Il Milan esulta: un gioiello da 60 milioni

Il Milan si gode il suo gioiello. Una crescita costante per un giocatore, destinato a diventare un vero campione. Pioli e la dirigenza rossonera se lo coccolano

E’ Rafael Leao l’uomo copertina in questo momento del Milan. Il portoghese si è preso sulle spalle la squadra rossonera con prestazioni da urlo e non ha alcuna intenzione di fermarsi. Il primato porta chiaramente la sua firma: domenica alle ore 12.30, contro la Sampdoria, è servita una sua intuizione per conquistare tre punti pesanti per il sorpasso.

Milan
Milan (©LaPresse)

Leao, servito alla perfezione da Mike Maignan, ha mostrato le sue caratteristiche: la sua facilità di corsa, la sua capacità di saltare gli avversari con estrema facilità. Il portoghese aveva fatto vedere tutto ciò anche in passato, ma erano state troppe le pause per far credere che un giocatore come lui potesse diventare determinante fin da subito.

Oggi Rafael Leao è diventato concreto. Contro la Sampdoria è arrivata la sua centesima partita con la maglia rossonera. Per l’occasione l’ex Lille ha tagliato il traguardo del decimo gol stagionale. Gli assist, invece, sono sei. Numeri importanti, che certificano la grande cresce di Leao, un attaccante, che gioca a tutta fascia, che risulta utile anche in fase di copertura, per dare una mano ai compagni.

Paragoni illustri

Anche oggi il portoghese, con il Milan ancora a riposo (tornerà domani ad allenarsi), si è è guadagnato le prime pagine dei giornali. La Gazzetta dello Sport scomoda diversi calciatori, che hanno scritto pagine importanti del calcio, per descrivere le caratteristiche di Rafael Leao.

Si torna a parlare del primo Henry, quello ammirato alla Juventus, quello che giocava sulla fascia. Paragone fatto – su precisa domanda – da Stefano Pioli. Ma spunta anche il nome di un attaccante tanto caro al mondo rossonero, quello di George Weah. L’attaccante liberiano aveva una forza importante nelle gambe e saltava l’uomo con estrema facilità ed era abile a segnare. Avvicinandoci ai giorni nostri è immancabile l’accostamento a Mbappe ma il francese evidentemente, oggi, è di un altro livello. Tanti paragoni importanti ma Leao, che ha visto crescere a dismisura il suo valore, ora superiore ai 60 milioni di euro, è semplicemente Leao.

Impossibile non fare il punto sul rinnovo. Come abbiamo più volte scritto, l’intesa può essere raggiunta sui 4/5 milioni di euro netti a stagione, con i bonus. Un contratto simile a quello nuovo di Theo Hernandez ma bisogna attendere un po’, anche per questioni extracampo. Prima toccherà a Ismael Bennacer mettere nero su bianco.