Milan-Asensio, nuove conferme: perché il grande colpo è possibile

I rossoneri fanno sul serio per il fantasista e hanno avviato i primi contatti per sondare il terreno

Dopo Theo Hernandez e Brahim Diaz, il Milan vuole continuare a fare spese dal Real Madrid. I Blancos hanno in rosa diversi giocatori che non considerano al centro del progetto e devono liberare dei posti per i nuovi arrivi.

Marco Asensio
Marco Asensio (©LaPresse)

La dirigenza rossonera sta cercando già dalla scorsa estate un profilo di primo livello sulla trequarti, in giocatore che possa ricoprire diversi ruoli offensivi e che prediliga la fascia destra, visto che a sinistra c’è l’inamovibile Rafael Leao. I profili che si stanno valutando sono diversi. In Italia ad esempio c’è il solito Domenico Berardi, che piace tanto a Milanello ma per il quale il Sassuolo chiede una cifra molto alta (intorno ai 30 milioni).

Ecco perché si studiano anche altre soluzioni e in queste ultime ore c’è un nome che sta rimbalzando in maniera importante. I colleghi di calciomercato.it affermano che Maldini stia facendo sul serio e la notizia trova alcune conferme anche in Italia. Il direttore tecnico rossonero avrebbe già avviato i primi contatti per provare a portare il giocatore in rossonero da giugno.

Stiamo parlando ovviamente di Marco Asensio. Il contratto del classe ’96 non scade però quest’estate ma fra un anno, nel 2023. Come riporta il quotidiano spagnolo, con l’aiuto del Decreto Crescita, la società di via Aldo Rossi potrebbe permettersi di confermare l’attuale ingaggio del trequartista, che si aggira intorno ai 5 milioni di euro netti a stagione.

Contatti avviati con Asensio: la Premier può complicare le cose

Il club ha comunque messo in conto un investimento importante in quel ruolo, con Messias e Salemaekers che non possono garantire un numero importante di gol e assist, e con l’addio certo di Samu Castillejo. Asensio in questo senso sarebbe perfetto nel 4-2-3-1 di Stefano Pioli, grazie al suo mancino e alla capacità di convergere verso il centro e di puntare la porta

Ovviamente l’insidia più grande è rappresentata dalla concorrenza, soprattutto delle società di Premier League, che potrebbe far lievitare i costi della trattativa. Dalla sua parte il Milan può vantare comunque gli ottimi rapporti con la dirigenza madrilena, con la quale sta già trattando il riscatto di Brahim Diaz. Molto dipenderà anche dalla volontà di Asensio, il quale ha realizzato 10 reti in 34 presenze finora in stagione. I rossoneri sono pronti a metterlo al centro del progetto di Pioli per sfruttare la sua grande qualità.