Gazzetta – Moviola Torino-Milan: Singo-Theo Hernandez non da rigore

I quotidiani sportivi promuovono Doveri nella valutazione dell’intervento di Singo su Theo Hernandez: niente rigore per il Milan a Torino.

Tanta la delusione in casa Milan per il secondo pareggio consecutivo 0-0 e per aver perso altri punti nella corsa Scudetto. A Torino era attesa una reazione al passo falso di San Siro contro il Bologna, invece ne è arrivato un altro.

Theo Hernandez
Theo Hernandez (©Ansa Foto)

I rossoneri hanno creato meno occasioni rispetto alla partita disputata contro la squadra di Sinisa Mihajlovic, ma comunque le poche chance avute non sono state sfruttate. C’è la conferma che i ragazzi di Stefano Pioli stanno faticando molto a fare gol.

E c’è anche la conferma che il Diavolo non è esattamente fortunato con gli arbitri in questa Serie A. Infatti, a molti è parso abbastanza chiaro che ci fosse un calcio di rigore per fallo di Wilfried Singo su Theo Hernandez nel secondo tempo. L’ex arbitro Luca Marelli, nell’analizzare l’episodio a DAZN, non ha avuto dubbi nel dire che si trattasse di intervento irregolare del giocatore granata e dunque di penalty da assegnare.

Il direttore di gara Daniele Doveri ha deciso diversamente e oggi i principali quotidiani sportivi nazionali plaudono la sua scelta. La Gazzetta dello Sport nelle sue pagelle gli dà 6,5 come voto e commenta così il suo operato: “Nei tre episodi che coinvolgono i protagonisti in area di rigore, è in controllo e valuta bene per dinamica e intensità. Semmai si perde due punizioni”.

Il Corriere dello Sport valuta anch’esso con un 6,5 la prestazione di Doveri: “Partita molto concreta, pare aver risolto i problemi con le ammonizioni. Tiene una soglia alta e la porta avanti con coerenza, soprattutto nei contatti in area. Singo su Theo Hernandez è più sulla schiena che sulla spalla, rischia molto, ma Doveri è coerente con la condotta tecnica tenuta fino a quel momento”.

Niente rigore per il Milan, dunque, e lo scrive anche Tuttosport nel dare 6 all’arbitro del match di campionato disputato a Torino: “La partita non è complicata e lui la gestisce con autorevolezza. Nel primo tempo gestisce i cartellini con la giusta severità, nella ripresa vede bene gli episodi in area. Cinque minuti di recupero, diventati sette, sono oggettivamente troppi”.

I tre quotidiani sportivi concordano sul fatto che sia stato corretto non assegnare il penalty alla squadra di Pioli per l’intervento di Singo su Theo Hernandez. Rimangono dei dubbi, alla luce anche di certi rigori fischiati durante la stagione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MilanLive.it (@milanliveit)