Milan, retroscena Rebic: è successo l’estate scorsa

Il futuro di Rebic in rossonero è fortemente in bilico: la sua cessione è possibile ed era già arrivata un’offerta per il suo cartellino.

Tra le grandi delusioni del Milan in questa stagione c’è sicuramente Ante Rebic. Non aveva neppure cominciato malissimo (2 gol e 2 assist nelle prime 10 partite), ma poi è entrato in una spirale di infortuni e di prestazioni negative.

Ante Rebic
Ante Rebic (©Ansa Foto)

Il croato non è più il giocatore ammirato negli scorsi anni, quello che sapeva fare la differenza con giocate importanti e reti. Sta mancando tantissimo a Stefano Pioli, che avrebbe avuto bisogno di un’alternativa a Rafael Leao quando il portoghese ha avuto un calo di rendimento.

Quando a gennaio è rientrato da un infortunio muscolare che lo aveva tenuto fuori per diverso tempo, si pensava che la squadra avesse così ritrovato un’arma importante per la corsa Scudetto. Invece, l’ex di Fiorentina e Eintracht Francoforte ha offerto tante prove deludenti. Un solo gol segnato, nel 2-2 contro la Salernitana in trasferta.

Rebic delude i tifosi

Normale interrogarsi sul futuro di Rebic alla luca del rendimento avuto in questa stagione. Logico pensare che il Milan possa valutare la sua cessione nel caso in cui arrivasse una buona offerta. Lo conferma anche il giornalista sportivo ed esperto di calciomercato Nicolò Schira.

Il giocatore non è più incedibile e con una proposta ritenuta congrua può partire. Già la scorsa estate c’era stato un concreto interessamento del Monaco, dove l’allora allenatore Niko Kovac lo voleva fortemente. L’operazione non è decollata e adesso la pista monegasca ha perso consistenza dato che l’allenatore croato è stato esonerato.

Rebic era stato iscritto a bilancio per 6,7 milioni di euro, dunque il Milan ha la possibilità di fare una discreta plusvalenza con la sua cessione. Se dovessero arrivare offerte sui 15 milioni, è probabile che verrebbero prese in considerazione. Con la sua cessione, il club si libererebbe anche di uno stipendio da 3,5 milioni netti a stagione.