Milan, una nuova dinastia: i figli di Ibrahimovic in rossonero

Grossa sorpresa per quanto riguarda Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante del Milan infatti sta per ‘triplicare’ la presenza nel club.

Nonostante i quasi 41 anni di età e l’intervento al ginocchio che lo sta costringendo ad un lungo stop, Zlatan Ibrahimovic non ha mai pensato di mollare.

ibra
Zlatan Ibrahimovic (©LaPresse)

Il campionissimo svedese è riuscito a riportare il Milan allo Scudetto, undici anni esatti dopo l’ultima volta in cui c’era sempre lui tra i protagonisti. Ma non ha affatto ipotizzato di fermarsi e appendere gli scarpini al chiodo.

Ibra tornerà in vista di gennaio 2023 come rinforzo in corsa per il suo Milan. Il legame con il club rossonero è davvero forte e ormai sentimentale. Lo conferma anche l’ultima indiscrezione che riguarda persino la sua famiglia.

Maximilian e Vincent Ibrahimovic si uniscono al Milan

Si è sempre parlato di Ibrahimovic come di un campione giramondo, uno di quei calciatori incapaci di legarsi ad una piazza, bensì stimolati più che altro al cambiamento ed alle nuove sfide professionali.

Ma il Milan è divenuta ormai casa sua. Ibra ha fatto trasferire lo scorso anno la sua famiglia dalla Svezia a Milano proprio perché legatissimo all’ambiente rossonero. E pare proprio che la dinastia di Zlatan possa continuare all’interno del club.

La notizia di oggi, lanciata dal Corriere della Sera, è che anche i figli di Ibrahimovic sono pronti ad entrare nel Milan da calciatori. Via alle pratiche di tesseramento nel club per entrambi i ragazzi, nati dall’unione di Zlatan con la modella Helena Seger.

Già ieri Maximilian e Vincent Ibrahimovic sono stati entrambi accompagnati dal celebre padre presso il Puma House of Football (ex campo Vismara) per cominciare ad allenarsi con le giovanili del Milan. Se tutto andrà come previsto, i due giovanissimi calciatori si aggregheranno rispettivamente all’Under 17 e all’Under 15 rossonera.

Insomma, Ibrahimovic ‘triplica’ la propria presenza all’interno del Milan. Non solo l’immortale campione svedese ha deciso di continuare e rendersi utile alla causa. Ora anche i due figli, dotati certamente del dna da fuoriclasse, cominceranno la scalata al calcio che conta sperando di diventare punti fermi delle giovanili milaniste.