Milan, l’elogio di Capello a Maldini e Baresi: “Rendevano facili cose difficili”

Capello ha speso parole di elogio per Maldini e Baresi, poi ha raccontato anche un aneddoto su Ronaldo al Milan.

Fabio Capello ha avuto una carriera vincente sia da calciatore sia da allenatore. In panchina i suoi successi li ha avuti in particolare con il Milan, dove ereditò la squadra di Arrigo Sacchi e riuscì a conquistare tanti trofei.

Fabio Capello
Fabio Capello (©LaPresse)

L’ex tecnico è tra gli ospiti del Festival dello Sport, evento organizzato a Trento da La Gazzetta dello Sport. In tale occasione gli è stato chiesto cosa sia per lui la bellezza del calcio ha così risposto: “Fare gol dopo tre passaggi, ad esempio. La bellezza è anche ottenere risultati in base ai calciatori che hai a disposizione. La bellezza è pure la genialità improvvisa di giocatori come Messi. Per me due calciatori che hanno incarnano la bellezza del calcio sono Paolo Maldini e Franco Baresi, perché trasformavano le difficoltà in cose facili. Avevano personalità e la trasmettevano”.

Capello ha allenato pure il Real Madrid, in due diversi momenti e vincendo entrambe le volte la Liga. Nella sua seconda esperienza si ritrovò anche a dare il via libera alla cessione di Ronaldo, che non rientrava più nei suoi piani e finì al Milan nel gennaio 2007. A tal proposito, ha raccontato un aneddoto: “Ricordo una telefonata di Silvio Berlusconi che mi chiese di Ronaldo. Dissi che non voleva allenarsi, gli piacevano le donne e le feste e gli suggerisco di lasciare stare. Il giorno dopo sui giornali vidi ‘Ronaldo al Milan’, fu molto divertente”.

L’ex centravanti dell’Inter fece bene nei suoi primi mesi in maglia rossonera, facendo ricredere gli scettici. Anche se non era più il fenomeno dei tempi migliori, sapeva comunque essere decisivo. Purtroppo nella stagione seguente è stato falcidiato dagli infortuni e ha poi lasciato Milano per fare ritorno in Brasile, dove ha concluso la carriera con il Corinthians.