Calciomercato Milan, non solo Sportiello: altre due opzioni italiane

Il Milan deve fronteggiare lo stop ancora lungo di Mike Maignan, che sembra lontano dal rientrare in campo. Per gennaio si sondano dunque tre profili per non lasciare scoperti i pali.

Prima la speranza e l’ottimismo di riaverlo in tempo per l’inizio del nuovo anno solare. Poi le notizie decisamente meno rosee riguardanti le condizioni muscolari di Mike Maignan hanno rimesso tutto in discussione.

sportiello milan
Sportiello e le altre opzioni per la porta – Milanlive.it

Una situazione paradossale quella del portiere titolare del Milan, che è fuori da inizio ottobre per via di una lesione al polpaccio. Un infortunio delicato ma che evidentemente è stato sottovalutato, sia dallo staff rossonero che da quello della Nazionale francese.

Secondo i ben informati Maignan non si rivedrà in campo prima del mese di febbraio. La speranza è riaverlo in tempo per gli ottavi di Champions League contro il Tottenham, ma intanto il Milan sembra costretto a lavorare sul mercato invernale per trovare un rimpiazzo adeguato.

Il profilo di Marco Sportiello, portiere dell’Atalanta già bloccato per la prossima stagione, sembra essere il più probabile. Ma non è il solo profilo che Maldini e Massara starebbero valutando.

Altri due portieri italiani per rimpiazzare Maignan

Sportiello dunque resta un profilo molto concreto, anche perché Stefano Pioli lo conosce molto bene e lo avrebbe già consigliato come vice-Maignan a partire dall’estate 2023. Ma ora il Milan ha fretta di trovare nel breve un nuovo estremo difensore.

Come riportato e confermato da Tuttosport, il club rossonero ha messo nel mirino due portieri italiani come alternative. Il primo nome è quello di Guglielmo Vicario, rivelazione dell’Empoli. Un portiere di cui si parla un gran bene, ma il problema è che viene valutato più di 15 milioni di euro dal suo club d’appartenenza.

Valutazione parecchio alta che al momento frena l’ipotesi Milan. Mentre appare più fattibile dal punto di vista economico arrivare a Alessio Cragno, altro italianissimo. Portiere del Monza, in prestito dal Cagliari, il quale stranamente ha giocato poco finora in stagione.

cragno milan
Cragno e Vicario nel mirino del Milan – Milanlive.it

Cragno come detto è in prestito al Monza, dove però fa la riserva di Di Gregorio. L’idea sarebbe quella di ‘spostare’ tale prestito dai brianzoli al Milan per i prossimi sei mesi, valutando anche l’obbligo di riscatto condizionato da 3,6 milioni di euro, stabilito al momento del suo passaggio in estate ai neopromossi.

Tre profili dunque sul taccuino di Paolo Maldini. Tre portieri italiani, tutti piuttosto affidabili ma con modalità di acquisto diverse. I prossimi esami strumentali di Maignan chiariranno quanto effettivamente il Milan avrà bisogno di agire sul mercato nell’immediato.

Il destino di Tatarusanu e Mirante

Ciprian Tatarusanu al momento è di fatto il titolare dei pali rossoneri. Il numero 12 rumeno non gode però della stima della piazza, nonostante le buone prestazioni in linea generale. L’ex Fiorentina è in scadenza di contratto a giugno e sembra ormai scontato un addio a parametro zero.

Dovrebbe invece restare Antonio Mirante. Il terzo portiere è uomo di spogliatoio e di esperienza e proseguirà la storica tradizione dei ‘terzi’ rossoneri dotati di grande affidabilità e carattere. Sulla falsa riga di precedenti storici come Valerio Fiori, Flavio Roma o Antonio Donnarumma.