Piovono critiche su Ibrahimovic: accuse durissime, il motivo

Critiche da parte di diversi media esteri a Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante del Milan, vicino ormai al rientro in squadra, non avrebbe fatto una bella figura secondo diversi quotidiani e siti.

A 41 anni compiuti, Zlatan Ibrahimovic fa ancora parlare di sé. In primo luogo per la sua carriera sempre più longeva, visto che l’attaccante svedese è sulla cresta dell’onda da più di vent’anni ormai.

Ibrahimovic critiche
Aspre critiche per Ibrahimovic – Milanlive.it

Inoltre Ibrahimovic è vicino al rientro in campo con il Milan. Dopo i sei mesi di stop per l’intervento di pulizia al ginocchio, Ibra ha puntato il mese di gennaio come quello del suo ritorno in pompa magna. L’intenzione del centravanti è quella di rendersi utile e protagonista nella seconda parte di stagione.

Ma le ultime notizie riguardanti Zlatan non sono così idilliache né positive. Arrivano feroci e secche critiche nei suoi confronti, dalla stampa estera in particolare. Colpa di un atteggiamento che evidentemente non è piaciuto affatto.

Stampa serba furiosa con Ibrahimovic: non era al funerale di Mihajlovic

A scagliarsi contro Ibrahimovic nelle scorse ore sono stati in particolare i media della Serbia. Il motivo? Molto delicato, visto che riguarda la tragica scomparsa di Sinisa Mihajlovic.

Il rapporto tra Ibra e Mihajlovic è sempre stato ottimo. I due si stimavano particolarmente ed erano divenuti amici ai tempi della comune permanenza all’Inter. Non a caso nel 2021 si sono esibiti assieme al Festival di Sanremo, cantando persino il brano Io vagabondo dei Nomadi.

Mihajlovic e Ibra
Mihajlovic e Ibrahimovic erano grandi amici – Milanlive.it

Però al funerale di Mihajlovic, tenutosi a Roma qualche giorno fa, non vi è stata traccia di Zlatan. Il grande amico del tecnico serbo non era presente, né alla camera ardente in Campidoglio né alla cerimonia svoltasi in pieno centro città.

Inoltre anche sui social Ibra non pare aver lasciato alcun ricordo dello sfortunato Sinisa. Fatto che i giornali serbi hanno pesantemente condannato con titoli furiosi nei confronti del milanista: “Traditore, ecco come Ibrahimovic avrebbe seppellito l’uomo a cui voleva così bene”. Oppure: Ibrahimovic ha mostrato il suo vero volto: che razza di uomo è?

Parole durissime nei confronti dell’attaccante del Milan. Ibra evidentemente ha avuto altre ragioni private per non presentarsi ai funerali, ma è innegabile quanto lo svedese fosse legato a Mihajlovic, standogli vicino durante tutto il periodo della malattia.

Ibrahimovic e Mihajlovic, dalla testata alla grande amicizia

E pensare che tra Ibra e Mihajlovic tutto nacque in maniera a dir poco burrascosa. Celebre la testata dello svedese al serbo in uno Juventus-Inter del 2005-2006, quando i due erano rivali in campo.

Come raccontato da Sinisa, quando Ibrahimovic sbarcò in nerazzurro l’estate successiva sembrava ci fosse maretta tra i due. Uomini dal carattere forte, guerrieri in campo e fuori. Ma a sorpresa scoppiò l’idillio, la stima reciproca trasformatasi poi in grande amicizia. Che durerà infinitamente, anche dopo il commovente addio a Miha.