FORMAZIONE, BOLOGNA-MILAN, 12 DICEMBRE, 12.30 – La 16esima giornata tra Bologna e Milan non sarà una partita facile. Si prospetta un fischio d’inizio molto particolare. I problemi societari del Bologna stanno creando un ambiente teso tra i giocatori: Di Vaio è pronto con la valigia (forse Milan?) e altri giocatori si sono già messi sul mercato per non rischiare di restare proprio a casa, oltre che in panchina. Malesani vorrebbe vincere per riscattare sè stesso e la sua squadra che, ancora per 19 giorni, vivrà nell’angoscia di trovare qualcuno capace di risollevarne i bilanci. Non importa l’aver sempre vinto in casa, questa è solo scaramanzia, Malesani sa qual’è il valore della squadra di Allegri e cercherà comunque di mantenere la concentrazione. Il Milan dal canto suo invece proverà a portare in campo una squadra ancora nuova. Infortuni a parte sapremo di avere schierata la miglior punta rossonera: Ibrahimovic, accanto a un buon Robinho, entrambi accompagnati e supportati dalla tecnica di Boateng, in grado, forse, di stupirci con un altro gol simile a quello annullato nella partita contro l’Ajax. Ritroviamo anche la grinta di Gattuso, sempre pronto a immolarsi per la squadra e quindi supporto fondamentale per i compagni, accanto a Pirlo (al centro) e Ambrosini (a destra). La difesa non potrà far riferimento all’ottimo Thiago Silva, al momento a Rio de Janeiro per effettuare dei controlli con il medico della nazionale brasiliana, si dovrà quindi appoggiare a Abate, Nesta, Bonera e Antonini. In porta ritroviamo Abbiati, una sicurezza in più, nonostante Amelia non abbia mai sfigurato in campo. Anche questa mattina Allegri ha pranzato con la sua squadra alle 9.30 per farli abituare al nuovo orario di gioco e metterli nelle stesse condizioni già dall’allenamento di rifinitura. Domani al Dall’Ara Gianluca Rocchi darà il fischio di inizio alle 12.30, aspettiamo il verdetto finale.

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it