Un predestinato...forse per l'Italia

MILAN, GANSO E NEYMAR SEMPRE NELL’OCCHIO DEL CICLONE – Eccome come, ai microfoni di Radio Sportiva, il procuratore Mariano Grimaldi parla del caso Ganso che vede l’interesse delle due società rivali Milan e Inter. Grimaldi, esperto di calcio brasiliano, racconta i retroscena e il punto di vista del Santos, tra trattative e indiscrezioni si è dibattuto a lungo per la possibilità di ridurre il cartellino del giocatore almeno a 35 milioni. Il procuratore dice: “Purtroppo può accadere, perché in Brasile una percentuale del calciatore viene venduta a privati, che si mettono nelle condizioni di violare le regole. In Brasile questa cosa si può fare, ma la vendita di giocatori a privati non è prevista dalle norme Fifa. – continua Grimaldi – I privati non possono vendere un pezzo del giocatore. Rischia di più il Santos rispetto alle società che hanno trattato con questi privati. In questo momento, comunque, le società devono soddisfare la percentuale di proprietà del Santos e la percentuale di proprietà di privati”. Aggiunge qualche parola anche su Neymar, altro giocatore di interesse in ambito italiano e afferma: “E´ un predestinato, si vedeva già qualche anno fa. L´ho seguito negli anni e mi ha stupito. Anche questo giocatore però è 50% del Santos e 50% di una società privata. Comprarlo oggi è molto difficile, l´affare andava fatto due anni fa”. Molte indiscrezioni e ancora poche certezze, per quanto non passerà ancora molto tempo all’ufficializzazione o no del giocare in rossonero che accompagnerebbe il Milan nel progetto Champions previsto per la prossima stagione.

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it