Milan: la scoperta Beretta

Giacomo Beretta: tutto fuorché spaesato

MILAN, LA SCOPERTA BERETTA – Mentre si scaldava sembrava del tutto stupito della situazione, incredulo. Correva avanti e indietro tra Tassotti e Emanuelson che, come lui si preparava a entrare in campo. Inginocchiato davanti alla sedia di Tassatti ha ascoltato attentamente ogni consiglio, aveva lo schema ben chiaro in mente. Torna a scaldarsi con impeto, fa stratching ma l’impressione è che sia già sufficientemente carico per entrare in campo e debuttare a San Siro, di fronte a 80000 tifosi rossoneri che non gli avrebbero perdonato il minimo errore. La decisione di Allegri arriva a 10 minuti dalla fine mentre continua a osservare un Cassano non in perfetta forma e allora prende coraggio, la partita è quasi finita e il Bologna pressa senza remore, deve fare qualcosa. Chiama il giudice e annuncia il cambio: fuori il n° 99 Antonio Cassano e dentro il n° 51 Giacomo Beretta. Corre nella sua zona, un’occhiata alla curva per vedere davvero quegli 80000 che acclamano il suo ingresso in campo dandogli fiducia e spinta per fare bene. Si trova subito a suo agio e riesce con due blitz da campione ad arrivare proprio sotto la porta, la prima volta calcia troppo presto per impensierire Viviano e la seconda aspetta qualche frazione di secondo di troppo per l’assist a Robinho, poco importa, la partita è finita e lui ha mostrato carattere e determinazione. Lo attende un futuro brillante, sperando che riesca a tenere i piedi per terra e continuare nell’ottica del rispetto e della voglia di allenarsi e dare il massimo. Allegri, a fine partita, commenta con poche parole ma che, sicuramente, lo colpiranno dritto al cuore: “Beretta ha fatto bene dal momento in cui è entrato, sono molto contento di lui”. Non sarebbe potuta andare meglio, non fosse altro per l’inno e le grida di gioia dei tifosi che ha potuto vivere proprio dal campo.

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it