Milan » Milan News » Champions League Milan, Messi come Guardiola: Vogliamo il primo posto

Champions League Milan, Messi come Guardiola: Vogliamo il primo posto

CHAMPIONS LEAGUE MESSI – Non è il suo “habitat” naturale, ma Leo Messi, ieri, se l’è cavata piuttosto bene anche in sala stampa. Alla vigilia di Barcellona Viktoria Plzen, “La Pulce” ha risposto alle domande di un centinaio di giornalisti più che entusiasti di averlo a disposizione. “Non dobbiamo sottovalutare nessuno. I nostri prossimi avversari hanno disputato una buona partita contro il Milan. Sarebbe importante ottenere velocemente la qualificazione per pensare con più calma al mondiale per club. Guardando alla Champions sarebbe anche utile chiudere il girone al primo posto”. Obiettivo primo posto nel girone, dunque. Ma non è una novità. Il Barcellona vuole vincere. Ovunque. “Perché gli arbitri non mi danno rigori? Forse vado troppo veloce – ha continuato Messi – Mi avvicino al record di gol realizzati con la maglia del Barça? Bello, ma preferisco le vittorie di squadra ai trofei personali. Un messaggio per Sanchez? Sta recuperando dall’infortunio e si sta inserendo benissimo, sarà prezioso”. E’ parso umile il numero 10 catalano, come se non gli importasse di essere, con Cristiano Ronaldo, il giocatore più forte in circolazione: “Non mi sento in competizione con Cristiano Ronaldo. Non mi interessano le sfide personali. Io voglio vincere insieme al Barcellona”. Una carriera appena iniziata e già piena di vittorie. Unico neo, la Nazionale: “La sconfitta con il Venezuela? Non dobbiamo spaventarci per un risultato negativo, conta solo qualificarsi per il mondiale. Pelè ha detto che mi invierà un video con le sue prodezze per dimostrarmi che è stato più grande di Maradona? Lo guarderò con gioia perché vedrò sicuramente delle grandi giocate”. Infine una battuta sulla proposta di Guardiola di giocare il prossimo “Clasico” tra Real e Barcellona, a mezzogiorno: “Giocare di notte ha più fascino, aspettiamo indicazioni certe”. Una conferenza stampa di poche parole. Nello stile Messi. Ma si sa, lui è abituato a parlare sul campo.

Mauro Nardone – Milanlive.it