CALCIOMERCATO MILAN – Intervistato da Pellegatti durante la trasmissione Premium Football Club il bomber del Milan, Pippo Inzaghi torna a parlare della decisione di restare a Milanello nonostante molte offerte: “Non voglio più parlarne, tutti hanno sentito le mie parole. È stata una decisione che ho preso, non ho fatto niente di speciale, era una cosa dovuta all’ambiente Milan, che mi ha dato tanto in questi anni. Era giusto finire così, non è stata una scelta dolorosa. Ho ringraziato il Siena, che è stato fantastico con me. Mi allenerò e cercherò di fare bene e provare a fare qualche partita se ci sarà bisogno di me. Poi l’anno prossimo vedremo”. Su Ibra: “Con Ibra mi lega una grandissima amicizia, il rammarico più grosso è quello di aver giocato poco con lui, perché tutte le volte che siamo scesi in campo insieme, ho fatto sempre bene, ricordo, ad esempio, la partita con il Real. E’ un grande amico – aggiunge -, mi spiace per quello che è successo ieri. Ci mancherà un grande giocatore e spero che gli venga tolta una giornata. So che ci tiene tanto al Milan. Quando giocavo con l’Atalanta fui espulso a San Siro – ricorda – proprio contro il Milan, forse per doppia ammonizione. A volte in campo capita, l’istinto prevale sulla ragione. Ibra farà bene in coppa Italia e in Chamspins e poi tornerà per farci vincere il campionato”.

La redazione di Milanlive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it