Milan » Milan News » Champions League, ritorno quarti di finale; Barcellona-Milan 3-1: voti e pagelle del match

Champions League, ritorno quarti di finale; Barcellona-Milan 3-1: voti e pagelle del match

CHAMPIONS LEAGUE QUARTI DI FINALE RITORNO – Risultato finale: Barcellona-Milan 3-1

BARCELLONA (4-3-3): Valdès; Dani Alves, Mascherano, Piquè, Puyol; Xavi, Busquets, Iniesta; Fabregas, Messi, Cuenca.
A disposizione: Jose Pinto, Keita, Adriano, Thiago Alcantara, Sanchez, Pedro, Tello. All.: Guardiola.

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Nesta, Mexes, Antonini; Nocerino, Ambrosini, Seedorf; Boateng; Robinho, Ibrahimovic.
A disposizione: Amelia, Bonera, Yepes, Emanuelson, Aquilani, Pato, Maxi Lopez. All.: Allegri.

Marcatori: Messi 11′, 41′ (R); Nocerino 33′; Iniesta 54′.
Ammoniti: Nesta, Antonini, Robinho, Maxi Lopez, Mascherano, Cuenca,
Espulsi: nessuno.

UOMO PARTITA MILANLIVE: ANDRES INIESTA !!

VOTI E PAGELLE DEL MATCH FIRMATE DALLA REDAZIONE DI MILANLIVE.IT

BARCELLONA –
| VALDES voto: |

| DANI ALVES voto: 7 | MASCHERANO voto: 7.5 | PIQUE voto: 6.5 | PUYOL voto: 7 | 

| XAVI voto: 7 | BUSQUETS voto: 6 | INIESTA voto: 7.5 |

| FABREGAS voto: 7 | MESSI voto: 7 | CUENCA voto: 6.5 |

| ALL. GUARDIOLA voto: 7 | 

MILAN –
ABBIATI 6
: Nei primi 45 minuti si trova per ben due volte Messi dagli 11 metri: va vicino al miracolo sul primo rigore, non può nulla sul secondo. Nella ripresa non è quasi mai impegnato eccetto quando si ritrova a mezzo centimetro Iniesta che lo beffa alla sua sinistra con una freddezza davvero spaventosa.

ABATE 5.5: Fa quello che può quando prova a ripartire in contropiede, in fase difensiva non è quasi mai impegnato negli uno contro uno ed è bravo a chiudere in scivolata sugli inserimenti in area degli avversari.

NESTA 6: L’unico in campo che può fermare Messi, e spesso e volentieri lo fa. Poi se la squadra non gira e subisce sempre gli attacchi catalani può fare davvero poco; se poi ci si mette pure l’arbitro ad aiutare clamorosamente gli spagnoli concedendo un rigore per una fasulla spinta del romano su Busquets, quando in realtà il fallo era di Puyol sullo stesso Nesta. Anche l’arbitro è un “extraterrestre” e fa di tutto per aiutare i suoi “simili”.

MEXES 5: Sbaglia sull’azione che porta al rigore dell’1-0 avversario, ma al di la dell’episodio negativo non è sicuro nelle chiusure come ha sempre fatto ed è troppo lento a pensare quando si trova col pallone tra i piedi; purtroppo a questi livelli, questo è un grande limite.

ANTONINI 5.5: Causa il rigore dell’1-0 che Messi realizza e per il resto del match si limita a contenere come può lo scatenato Alves e nella ripresa Cuenca.

NOCERINO 6.5: Mette la firma anche in Champions League in casa degli extraterrestri spagnoli, e già solo per questo merita un plauso; Corre anche quando non deve ed è il più grintoso in campo: firma il momentaneo pareggio al 33′ dopo aver ricevuto un illuminante assist di Ibrahimovic. Un gol che ha fatto sperare e segnare tutto il mondo rossonero e anti-Barça, poi l’arbitro decide di dare una grossa mano concedendo un rigore ridicolo e il Milan affonda.

AMBROSINI 6: Fa di tutto per intercettare un pallone che sia uno, ma quasi mai ci riesce e non è colpa sua. Subisce troppo il possesso palla catalano e quando può gestire il pallone lo lancia lungo sperando in un miracolo di Ibrahimovic.

SEEDORF 6: Mette in campo tutta l’esperienza e la classe che ha in corpo ma non c’è nulla da fare anche per chi queste partite le gioca da sempre.

BOATENG 6.5: E’ l’unico che prova a creare qualcosa in fase offensiva cercando di svariare su tutto il fronte offensivo provando a puntare il diretto marcatore. Dal 69′ PATO, s.v.: chiedi il cambio dopo solo 17 minuti dopo aver toccato mezzo pallone. Dall’86’ MAXI LOPEZ, s.v.

ROBINHO 5: Gioca tutti e 90 i minuti ma non è mai decisivo. In fase difensiva non trona quasi mai, quando si muove senza palla è quasi sempre prevedibile e quando si trova col pallone fra i piedi lo perde dopo il primo tentativo di dribbling o passaggio in profondità.

IBRAHIMOVIC 5.5: Doveva fare l’impossibile per poter fare gol e vincere questa partita ma fa solamente il possibile, lottando su ogni pallone e provando a creare qualcosa in avanti. Serve l’assist a Nocerino per il gol del pareggio che fa ben sperare ma la classe avversaria e l’arbitro spengono ogni speranza. 

ALL. ALLEGRI 4.5: Decisione clamorosa è dire poco quella del mister che manda in tribuna El Shaarawy per far spazio in panchina a Pato che non è un giocatore ormai da oltre 6 mesi. Al di là questo, i giocatori sono quelli che sono, fenomenali per il nostro campionato, ma non sufficienti per battere, o almeno per tener testa a questi fenomeni.

Giacomo Giuffrida – www.Milanlive.it