Milan » calciomercato milan » Calciomercato Milan, trattative Nocerino-Tevez: ecco tutti i segreti che (forse) nessuno sa

Calciomercato Milan, trattative Nocerino-Tevez: ecco tutti i segreti che (forse) nessuno sa

CALCIOMERCATO MILAN – Sull’ebook “Dietro le quinte del mercato” il noto agente Fifa Giuseppe Riso, recente braccio destro del mercato del Milan, ha svelato interessanti retroscena riguardanti la trattativa per Tevez, poi sfumata, e quella per Nocerino.

TRATTATIVA NOCERINO – “È stata una trattativa nata alle 13.30 del 31 agosto, al volo, quando il mercato del Milan sembrava chiuso. Quando ho visto il Palermo parlare con il Bologna, ho chiesto informazioni in merito e saputo che stavano parlando di Della Rocca. Lì ho pensato che avrebbero dato via Nocerino. Così sono andato nell’ufficio di Galliani, a cui ho proposto l’idea. Poi lui, bravo a fare l’opera d’arte, ha parlato con Zamparini e portato a termine l’operazione. Ma durante il pomeriggio, intorno alle 18, la trattativa sembrava saltata”. Perché? “C’era stata una discussione tra Sogliano e Zamparini, che non si parlavano più. Portare avanti la cosa era diventato complicato. Poi però Galliani ha mantenuto i contatti con Zamparini e Sogliano era lì. Alla fine è andata bene”.

TRATTATIVA TEVEZ – “Cassano ha avuto il problema noto a tutti e quindi per il Milan si è aperta la possibilità di prendere un giocatore importante in attacco. Tevez era in rotta con Mancini, così ho pensato di parlarne a Galliani, che a Londra ha condotto una trattativa pazzesca, dando una lezione di gestione amministrativa al Manchester City. Ricordo che c’era tanta tensione, anche in aereo. Era una trattativa importantissima. Inizialmente era fatta, con il passaggio di Pato al Paris Saint-Germain. Ma il brasiliano, per il troppo amore nei confronti del Milan, ha deciso di continuare ad indossare la maglia rossonera. Tevez è un grande campione di cui il City probabilmente non voleva privarsi davvero. Poi c’era in ballo il discorso di Maxi Lopez, ma gli inglesi pensavano che fosse un diversivo per creare tensione e invece l’ex Catania si è tinto di rossonero per davvero. E pensare che per Carlitos c’era anche il volo prenotato, da Buenos Aires con scalo a Roma per Milano Linate, dove sarebbe dovuto atterrare il 28 gennaio alle 11. Poi il Milan aveva anche preparato l’homedel sito ufficiale con la grafica dedicata al giocatore. Però, alla fine, non se n’è fatto nulla”.

La redazione di Milanlive.it