Milan » Milan News » Champions League, Milan-Anderlecht 0-0: voti e pagelle del match

Champions League, Milan-Anderlecht 0-0: voti e pagelle del match

FASE A GIRONI | 1^ GIORNATA – Risultato finale: Milan-Anderlecht 0-0

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; De Sciglio, Bonera, Mexes, Antonini; Flamini, De Jong, Nocerino; Boateng, Emanuelson; Pazzini.

ANDERLECHT (): Proto, Wasilewski, Kouyaté, Nuytinck, Deschacht; Biglia, Kljestan, Gillet Bruno; Kanu; Mbokani.

Marcatori: nessuno.
Ammoniti: Waisilewsky, Kljestan, Flamini, Mexes. 
Espulsi: nessuno.

William Collum (SCO) (Arbitro) voto: 6
William Conquer (SCO) (Guardalinee) voto: 6
Alan Mulvanny (SCO) (Guardalinee) voto: 5
Bobby Madden (SCO) (Giudice di porta) voto: 6
John Beaton (SCO) (Giudice di porta) voto: 6

UOMO PARTITA MILANLIVE: PHILIPPE MEXES !!

VOTI E PAGELLE DEL MATCH FIRMATE DALLA REDAZIONE DI MILANLIVE.IT

M I L A N –

ABBIATI 6: Impegnato in paio di occasioni con altrettanti tiri da fuori ai quali risponde positivamente respingendo in corner.

DE SCIGLIO 6: Si spinge spesso in fase offensiva tentando qualche cross utile per i compagni che non concretizzano in gol. Se andasse maggiormente in avanti anziché crossare a 25 metri dalla linea di fondo sarebbe maggiormente efficacie un suo cross in area.

BONERA 6: Positiva la prestazione del 25 rossonero che è il leader di questa malandata difesa che tutto sommato si comporta bene senza concedere troppe azioni pericolose nonostante il lungo possesso palla concesso soprattutto nel primo tempo. E’ costretto ad abbandonare il rettangolo verde di gioco a causa di un problema ancora da valutare. Dal 73′ YEPES, s.v.

MEXES 7: Il migliore della difesa (e questo è positivo) ma è anche il migliore della squadra, il ché dimostra la grande difficoltà dei rossoneri in fase offensiva contro una squadra ai limiti della mediocrità. Fondamentale comunque il ritorno in campo del francese che non sbaglia niente in fase di marcatura, perfetto negli anticipi sia di testa che di piede.

ANTONINI 5: Il ritornello è il solito: avanza palla al piede verso il fondo, nessuno si avvicina per un misero uno-due, prova a fare tutto da solo, e immancabilmente perde palla. In fase difensiva lascia spesso a desiderare concedendo troppo agli avversari. Come se tutto ciò non bastasse, al 90° rischia un retropassaggio da brividi verso Mexes.  I fischi del S.Siro sono in gran parte per lui. Poco lucido!

FLAMINI 5.5: Inizia bene il match inserendosi in area coi tempi giusti ma crea poco e concretizza ancora meno. Al 18′, servito casualmente da Boateng, si ritrova solo davanti al portiere appena defilato sulla destra tenta il tiro di destro ma trova la respinta del portiere in calcio d’angolo.

DE JONG 5.5: E’ sempre solo in mezzo al campo in fase offensiva, i due interni di centrocampo scappano subito in avanti costringendo l’olandese a tenere vicini i reparti come può. La qualità è una cosa che non gli appartiene, e questo lo si sapeva, ma proprio per questo dovrebbero essere altri ad impostare il gioco. Mancano qualità e geometrie a centrocampo, e questa la pecca più grande di questo Milan, perennemente privo di idee.

NOCERINO 5: Non è nemmeno il lontano parente del “bomber” dell’anno passato. Lento e compassato quando è in possesso palla, si nasconde quando sono i compagni ad avere il pallone. Inserimenti efficaci nemmeno l’ombra figuriamoci giocate di qualità che possano cambiare la partita.

BOATENG 5: Sempre raddoppiato quando si trova in possesso palla, questo basta ad annullarlo completamente per tutta la gara. Unica azione degna del suo nome al 30′ nel quale sfoggia un grande stop seguito da un ottimo tiro al volo che il portiere para non senza difficoltà. Il numero 10 sulle spalle è un peso forse troppo eccessivo per il “Prince” rossonero? Solo il tempo potrà dircelo. I tifosi credono e sperano in lui, così come l’allenatore ed i compagni. Dal 60′ EL SHAARAWY, voto 6.5: Devastante l’impatto del “faraone” in campo che dopo nemmeno 4 minuti potrebbe già portare in vantaggio la sua squadra con un colpo di testa cross (stranamente decente) di Emanuelson da sinistra; solo il portiere dell’Anderlecht può negare la gioia del gol al numero 92 rossonero. Mostra grande personalità e coraggio al 71′ provando il tiro al volo, con scarsi risultati purtroppo. Peccato non sia riuscito a siglare il gol che avrebbe dato al Milan maggiore coraggio per affrontare le partite future.

EMANUELSON 5.5: Stranamente spostato in avanti nonostante la buonissima prestazione della scorsa partita in campionato come interno di centrocampo. Poca qualità e fantasia per giocare dietro l’unica punta. Gli servirebbe (a lui come altri) un corso accelerato di cross perché nonostante vada spesso sul fondo non ne effettua quasi mai uno utile per la testa di Pazzini e compagni. Dal 78′ CONSTANT s.v.

PAZZINI 5: Va bene che nessuno lo serve come lui vorrebbe, ma anche lui potrebbe darsi maggiore da fare vendendo maggiormente in contro ai compagni che spesso sono costretti a tornare indietro in assenza di sbocchi in attacco. Ha una sola nitida occasione per portare in vantaggio la squadra al 65′ ma non la sfrutta a dovere, mancando l’intervento di piede dopo un cross rasoterra dalla destra di De Sciglio.

ALL. ALLEGRI 4: I cambi al momento giusto sono pura rarità, una sostituzione volta a rafforzare maggiormente il reparto offensivo è un miraggio, un cambio di modulo è davvero qualcosa di inarrivabile. Prevedibile anche nello schierare la squadra in campo. Non schiera Emanuelson come interno di centrocampo, posizione nella quale aveva maggiore spazio per saltare l’uomo, ma lo posiziona 20 metri più avanti, posizione che non sa in alcun modo interpretare. L’ingresso di Constant è stato un cambio buttato al vento, un attaccante come Bojan sarebbe stato più utile alla causa. Poi non ci si deve lamentare che l’unico boato del S.Siro sia stato per il gol di T.Silva col PSG trasmesso nell’intervallo dai monitor dello stadio. Squadra senza idee e imprevedibilità. Magari col ritorno di Montolivo, e soprattutto di Pato e Robinho si potrà vedere qualcosa di più decente in campo. La speranza è l’ultima a morire si dice, ma questa sembra essere una lunga ed interminabile agonia.

– A N D E R L E C H T – 

| PROTO voto: |

|WASILEWSKI voto: 6KOUYATE voto: 6.5| NUYTINCK voto: 6+|  DESCHACHT voto: 5.5 |

| BIGLIA voto: 6+ | GILLET voto: 6.5 | KJLIESTAN voto: 5.5 | BRUNO voto: 6- |

| KANU voto: 6 |

| MBOKANI voto: 6.5 | 

Giacomo Guffrida – www.Milanlive.it