Milan » Milan News » Balotelli e Galliani, la conferenza integrale: Se segno contro l’Inter esulto, Berlusconi mai detto mela marcia…

Balotelli e Galliani, la conferenza integrale: Se segno contro l’Inter esulto, Berlusconi mai detto mela marcia…



CONFERENZA STAMPA BALOTELLI GALLIANI – Di seguito tutte le principali dichiarazioni di Balotelli e Galliani nella conferenza stampa di presentazione di Super Mario conclusasi poco fa.

BALOTELLI
“Mia occasione? E’ un onore giocare per il Milan. E’ da tanto tempo che volevo giocare qui. Sono già uomo, ma di sicuro si migliora sempre. In attacco ci troviamo e siamo molto bravi. Questo può essere un motivo per fare bene. Inter? Sono passati 4 anni, sono cresciuto. Sono qua per vincere da protagonista. All’Inter ho vinto non da protagonista. Importante essere tornato a Milano perchè sono vicino alla mia famiglia e ai miei amici. E’ sempre stato il mio sogno giocare al Milan, ma preferisco far parlare i fatti. Cosa mi è mancato? Il calcio inglese è veramente bello, più avanti del calcio italiano. Non mi aspettavo un’accoglienza così. E’ stato veramente bello. Responsabilità? Non aumentano con l’amore Gol nel Derby? Esulto, certo. Mondiale? E’ l’obiettivo primario di me e Stephan, speriamo di arrivarci insieme. I tifosi dell’Inter non possono essere arrabbiati con me. La mia decisione di venire al Milan è stata una scelta calcistica. Sto bene, molto bene. Balotellate? Non conosco Balotellate, le conoscete voi. Berlusconi? Non ho mai votato, non mi sono mai interessato di politica. Non conosco di persona il presidente. Devo ringraziare i tifosi, che mi hanno sempre sostenuto, i compagni e il manager. Rimpianti? No, nessuno, sono contento di essere qua. Le cose peggiori dell’Inghilterra? La stampa, il tempo, il cibo e la guida. Non voglio parlare con il giornale The Sun, che ha sempre parlato male di me”.

GALLIANI
“Orgogliosi e contenti di averlo riportato a casa. E’ stata una trattativa lunga e complessa. Devo ringraziare una persona in particolare: avvocato Alberto Galassi, che fa parte del Board del Manchester City. E’ stata una delle trattative più complicate, però volevamo assolutamente riportare Balotelli nella squadra del suo cuore”.

“Non era pessimismo quando dicevo che Mario non arrivava, era realmente difficile. Cosa chiedo ad Allegri? Nulla, esattamente quello che chiedevamo quest’estate: andare in Champions. In campionato sono sicuro che Mario ci darà una grande mano. Il Milan ha fatto un grande sforzo economico”.

“Abbiamo costruito il Milan del futuro. Anche Salomon rientra in questa linea. Abbiamo fatto un grande lavoro in questo mese: abbiamo ceduto 8 giocatori e ne abbiamo comprati 4. Mossa elettorale? Le elezioni sono state fissate due o tre mesi fa, la finestra di gennaio risale alla notte dei tempi. Noi andremo avanti con la linea giovani. Milan da scudetto? No, noi dobbiamo andare in Champions. Dodici punti dalla Juve mi sembrano tanti, ma non metto limiti alla provvidenza”.

Piccol diatriba tra Federica Balestrieri, giornalista della Rai, e Adriano Galliani, vicepresidente del Milan. La querelle è nata sulla domanda legata al “mela marcia” pronunciato da Silvio Berlusconi parlando di Mario Balotelli: “Il presidente non ha mai chiesto scusa a Mario, ma ha solo precisato di non aver mai detto quella frase. Che è diverso”. La giornalista ha risposto: “Siamo abituati alle repliche del presidente, ma qualche domanda scomoda no?”. E Galliani “Non scomoda, sbagliata”. La Balestrieri: “Allora il presidente sbaglia spesso”.

La redazione di Milanlive.it