Milan » Milan News » Allegri in conferenza: Domani più importante di Barcellona, Balotelli un ragazzo normale, forse gioca Zaccardo

Allegri in conferenza: Domani più importante di Barcellona, Balotelli un ragazzo normale, forse gioca Zaccardo



MILAN PARMA – Di seguito le principali dichiarazioni di Allegri nella conferenza stampa pre-Milan-Parma.

PARMA “Sarà una partita difficile per noi. E’ particolarmente importante perchè la partita di domani ci permette di chiuedere un periodo molto positivo e dare valore al punto di Cagliari. E’ una delle partite più importanti del nostro campionato. La partita di domani è più importante di quella del Barcellona. Comunque stare qui a pensare al Barca ora non serve a nulla perchè ripeto, vincere domani col Parma è molto più importante di ogni altra cosa

ERRORI DIFENSIVI“Sicuramente il primo che dovrà sistemare le cose sono io. Abbiamo preso troppi gol di testa e su palla inattiva. Bisognerà cercare di migliorare. Cercheremo di migliorare questa situazione. Non è una questione di uno contro uno: bisogna stare molto attenti. Abate? Deve migliorare ma è già migliorato molto sui cross e nella gestione della palla”.

FORMAZIONE “Centrali? Potrebbe giocare uno tra Yepes e Zaccardo. Dovrò valutare perchè abbiamo tre partita in una settimana, perchè Mexes non sta benissimo. A centrocampo? A parte il rientro di Montolivo i due esterni li devo ancora decidere. El Shaarawy? Ha un’infiammazione al tendine rotuleo. Lo abbiamo tenuto al riposo in questa settimana per averlo al meglio nella sfida di mercoledì. Bojan o Robinho? Devo valutare. Sono comunque molto contento dello spagnolo quando domenica è entrato e ha fatto molto bene. Deve vedere anche se Pazzini sarà disponibile per la panchina. Noi comunque abbiamo bisogno di tutti come è capitato nell’anno dello scudetto quando Oddo e Jankulovksi, in due gare decisive, hanno dato il loro, senza praticamente mai scendere in campo tutto l’anno. Sarà comunque un 4-3-3 a seconda che giochino Bojan o Binho. Salamon ha ancora un problema alla caviglia e da lunedì entrerà in gruppo. Robinho pensava di trasferirsi in Brasile poi è tornato ed è rimasto un po’ fuori. La stagione è però lunga e c’è bisogno di tutti soprattutto dei campioni come lui che da ora in avanti ci faranno molto comodo”.

BONERA“E’ successa una cosa strana: dopo la partita con l’Udinese si è presentato agli allenamenti con un grosso ematoma alla coscia dovuto ad un colpo subito in partita. Si sta curando, ci vorrà un pochino di tempo per averlo a disposizione”

CELLINO“Mi dispiace perchè quando succede queste cose è sempre un dispiacere. Spero che tutto si risolva per il meglio”.

BALOTELLI “Per quanto mi riguarda in questi dieci giorni è un ragazzo normale. Ritornando a Milano ha capito che si deve gestire un pochino meglio nella vita personale. Io sono molto contento di come si allena, con l’intensità che mette in campo, con la puntualità in cui arriva agli allenamenti. E’ un ragazzo furbo ma io gli ho consigliato di evitare situazione spiacevoli che possono dargli rotture di scatole. Sono molto contento del suo arrivo sia dal punto di vista tecnico quanto umano. Ha qualità per consacrarsi e credo che al Milan ha la possibilità per farlo visto che può avere un ruolo da protagonista. Penso che lui abbia tutta la voglia di dimostrare di poter essere un giocatore di livello mondiale”.

FUTURO “Sul mio futuro mai avuto dubbi. Sono sempre andato d’accordo con il presidente e Galliani. Credo che la squadra grazie alla società sia stata ricostruita in poco tempo, stiamo facendo buone cose, spero di essere bravo a portare avanti questa squadra, di farla crescere. Io ho ancora un anno di contratto e sono molto contento di far parte del Milan. Quando sei qui difficilmente uno vuole andare via. Mi sento apprezzato dal presidente, a volte ci sono scambi di vedute, ma non ci sono problemi”.

SERIE POSITIVA“Dovremo cercare di continuare questa striscia per raggiungere quell’obiettivo che nessuno pensava di poter raggiungere. E’ normale che poi la rincorsa la puoi pagare soprattutto ora che abbiamo il Parma e poi il Barcellona, due partite che ti portano via molto dal punto di vista anche psicologico. Dobbiamo affrontare con serenità la doppia gara col Barca. Io comunque non so questa squadra fino a dove può arrivare”.

La redazione di Milanlive.it