Milan News Inzaghi-La giornalista Monica Colombo del Corriere della Sera è stata intervistata in esclusiva da SpazioMilan.it, ed ha parlato di Filippo Inzaghi:

42 punti in 19 giornate, Mister Inzaghi sta tenendo un buonissimo cammino con i suoi Allievi, che però potrebbe lasciare l’anno prossimo…

“Sì è vero, su Inzaghi è stato costruito un vero e proprio progetto, cominciato quest’anno e che durerà nel tempo. Nella prossima stagione c’è la volontà del Milan di affidargli la panchina della Primavera. C’è la volontà di mtterlo alla prova. Manca ancora la firma, si aspetterà la fine dell’anno calcistico per mettere nero su bianco questo progetto rossonero. Ma la società ha già deciso la promozione di Inzaghi come nuovo allenatore della Primavera dall’anno prossimo”.

Un’accelerazione importante per i piani societari rossoneri, visto che più di una volta Inzaghi è stato accostato come allenatore del Milan del futuro. E’ così?

“Dalla società è molto apprezzato per la cura maniacale con cui prepara ogni allenamento e partita e la dedizione con cui sta allenando. E’ apprezzato il lavoro che sta mettendo a disposizione delle giovanili. E non nascondo che già tra 2 anni potrebbe diventare l’allenatore della Prima Squadra. Questa è l’intenzione del Milan, che sicuramente dovrà conciliarsi anche con la situazione e il destino di Allegri che ha un contratto fino al 2014. Decisivo in tutto questo è stato Adriano Galliani”.

In che modo?

“Lo stima tantissimo e stravede per lui. Tra l’altro gli ha affidato uno staff per gli Allievi Nazionale di primissimo livello: è raro che in una squadra del genere ti venga messo a disposizione anche un psicologo e un elemento di spicco come Stefano Nava. Non dimentichiamoci poi che domenica scorsa Galliani, a tre giorni da Milan-Barcellona, era sulle tribune del “Vismara” per assistere al derby Allievi con Inzaghi in panchina: un segnale importante”.

Inzaghi in Primavera. E Aldo Dolcetti?

“Non so ancora come andrà a finire, magari verrà “arretrato” di posizione, ma sono decisioni che verranno prese con tranquillità. La stagione è ancora in corso e quando e come finirà il Milan si siederà attorno ad un tavolo e discuterà il dà farsi, ma senza mettere con le spalle al muro nessuno, in assoluta serenità”.