MILAN NIANG – Il giovane attaccante del Milan, Mbaye Niang, protagonista oggi di una bella intervista per Sportweek, il magazine de La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue interessanti dichiarazioni: “Il mister mi ha sempre sostenuto mi dice sempre di lavorare perché non sono ancora arrivato da nessuna parte. Galliani? E’ come un padre per me, mi ha scovato in Francia a 17 anni dandomi l’opportunità di giocare nel Milan. Mi ha fatto capire cosa significa indossare questa maglia. Dopo la bravata della patente, devo chiedere a lui il permesso per uscire. Il tridente con El Shaarawy e Balotelli? Con Stephan ci siamo trovati subito, la prima volta che l’ho visto mi ha chiamato fratello. Mario è sicuramente il più forte ma è diverso da come lo dipingono da fuori”.

La redazione di Milanlive.it