Milan » calciomercato milan » Calciomercato Milan, Canovi consiglia: si guardi la Under 20 della Francia per rinforzarsi…

Calciomercato Milan, Canovi consiglia: si guardi la Under 20 della Francia per rinforzarsi…


Mercato News Milan- Simone Canovi, agente Fifa, è stato intervistato da Il Vero Milanista.it.

Canovi, è un Milan che sta accelerando sul mercato: Honda secondo lei alla fine arriverà?

“Sì, penso proprio di sì. Il giapponese è certamente il nome più gettonato per l’attacco. Non penso però che Galliani abbia fretta di chiudere: la sua zona sono gli ultimi 10 giorni del mercato “.

Si è parlato anche del viola Ljajic ultimamente…

“Credo però che questo tentativo dei rossoneri lo abbia riavvicinato alla Fiorentina”.

L’attacco del “Diavolo” è forse il reparto più forte e completo, mentre in difesa…

“Assolutamente sì. Il Milan ha un attacco tra i più forti in Europa, non ha niente da invidiare alle big spagnole, inglesi, francesi e tedesche. Dietro invece ci sarebbe bisogno di interventi con elementi di qualità”.

In Italia le quotazioni dei centrali difensivi sono molto alte: per Astori Cellino chiede 10 milioni…

“Sì, e non ci sono alternative a lui che abbiano lo stesso livello in Italia. All’ estero invece basta guardare la Nazionale under 20 francese dove si possono pescare tanti ottimi elementi. In Inghilterra dipende da come si muoveranno le grandi”.

In Italia per finanziare il mercato sono partiti Cavani, Jovetic, Marquinhos. Anche la Juventus ha attaccanti sul mercato, mentre il Milan sembra aspettare le offerte giuste per alcuni suoi giocatori…

“È così. Se partisse El Shaarawy il Milan chiederebbe tra i 30 e i 40 milioni, anche Boateng partirebbe solo per una cifra importante”.

Ibrahimovic è affetto da mal di pancia. Problemi di dettagli contrattuali sembra. Forse teme la nuova aliquota fiscale al 75%?

“No, non penso sia quello il problema. I contratti così importanti sono generalmente al netto delle imposte. Il punto è che un ingaggio di quel livello lo può pagare solo il Paris Saint Germain o il Monaco, che però in avanti ha già dato ampiamente…”