Milan » Milan News » Milan, Galliani: “La discriminazione territoriale va abolita. Mexes? Nessun ricorso, deve pagare”

Milan, Galliani: “La discriminazione territoriale va abolita. Mexes? Nessun ricorso, deve pagare”

AC Milan's football club CEO Adriano Gal

MILAN GALLIANI – Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ha dichiarato quanto segue al termine dell’assemblea della Lega Calcio: “La discriminazione territoriale esiste solo in Italia, perché in Europa si parla solo di discriminazione razziale. I cori in questione poi non sono stati sentiti da nessuno a parte i funzionari della Lega, mentre invece si sono sentiti numerosi cori contro Balotelli. A Torino c’erano 800 tifosi rossoneri circa e il comunicato parla di centinaia di persone che intonavano questi cori, lascio a voi ogni considerazione a proposito visto che nessuno durante la gara se ne è accorto. Penso che sia una norma che vada abolita perché non esiste in altro luogo al mondo una cosa del genere che espone le società a gravi rischi. Perché alla prossima infrazione c’è la partita persa a tavolino ed eventualmente anche una penalità in classifica. Questo vuol dire che bastano una 50ina di individui per uccidere una società e arrecare danni indicibili. La decisione di chiudere lo stadio poi mi pare un’idea geniale in un Paese che ha stadi vecchi, obsoleti e sempre mezzi vuoti. Ribadisco che la norma va abolita, ne ho parlato coi miei colleghi e anche loro sono d’accordo. L’ho fatto inoltre presente al presidente Abete che ha detto che ci rifletterà e mi farà sapere in futuro. Il razzismo va combattuto, ma questa norma non aiuta certo a farlo, anche perché potrebbe essere applicata anche a chi fa un coro contro gli abitanti di un altro quartiere a questo punto. Mexes? Non faremo ricorso contro la sua squalifica perché si è comportato male e chi sbaglia deve pagare ed essere punito“.