Milan » Milan News » Seedorf: “Non penso al ritiro, ma sto per ottenere il patentino da allenatore”

Seedorf: “Non penso al ritiro, ma sto per ottenere il patentino da allenatore”

UEFA Champions League Trophy Tour 2013

Clarence Seedorf, ex giocatore del Milan attualmente in forza al Botafogo, ha rilasciato un’interessante intervista a Eurosport.

Dopo diversi anni trascorsi in Europa dove ha giocato in molti dei top club come Ajax, Real Madrid, Inter e Milan, Clarence Seedorf ha deciso di continuare la sua carriera al Botafogo, in Brasile. Ci spiega il perché…
Ho ritenuto che questa sarebbe potuta essere una grande avventura, una grossa sfida per continuare a giocare al top e conoscere il Paese molto meglio di quanto non sia successo visitandolo da turista. Quindi è stata una bella opportunità. Dopo dieci anni al Milan, necessitavo di una nuova sfida e l’ho trovata qui”.

Al Botafogo, Clarence ha vinto il Campionato Carioca 2013 e segnato molti gol. Cosa ne pensa del livello del calcio Brasiliano?
É ancora calcio al livello top, diverso dall’ Europa, specialmente dal punto di vista tattico. Ma dal punto di vista delle qualità tecniche, individualmente sono incredibili!”.

In Brasile ha segnato il suo gol numero 100 nei campionati nazionali, e si sta godendo la sua nuova esperienza nel paese del calcio.
Siamo nella Mecca del calcio. Penso che il mondo riconosca che i migliori calciatori arrivino dal Brasile. Il Brasile è la nazione che ha vinto il maggior numero di Coppe del Mondo sino ad ora. Quindi questo rappresenta un valore aggiunto. Se si va in strada, ogni cinque persone c’è qualcuno che indossa una casacca del proprio club”.

Sposato con una brasiliana, Seedorf è legato a questo paese anche per le sue origini. Anche se ha giocato per l’Olanda, Clarence è nato a Paramaribo in Suriname.
Sono sempre stato molto vicino al Suriname e sempre lo sarò. Sono nato lì. All’età di tre anni sono arrivato in Olanda. La mia famiglia è vicina al Brasile. Sono vicini di casa. Quindi abbiamo sempre tifato per la nazionale di calcio brasiliana. Sono cresciuto così”.

Clarence sarà in grado di seguire la nazionale brasiliana durante il mondiale. Chi sono i suoi favoriti per questa competizione?
La Spagna sicuramente è favorita. La Germania è favorita. Il Brasile, non so se lo si possa chiamare favorito. Ma con il pubblico di casa e tutto, sono sicuramente lì. E mi fermerei qui per ora. Penso che tutte le altre nazionali avranno da dimostrare qualcosa in più”.

La nazionale brasiliana ha concrete possibilità di vincere il sesto titolo?
Hanno vinto la Confederations Cup e giocato contro squadre importanti. Si, possono vincere certo. Non li vedo come i super favoriti, ma giocando in casa possono farcela. Avranno il supporto del pubblico, che significa energia in grado di spingerli avanti durante il torneo”.

Seedorf rimarrà nella storia per essere stato il primo calciatore a vincere la Champions League quattro volte con tre squadre diverse. Pensa alla fine di questa ricca carriera?
Non sto pensando a ritirarmi. La mia attenzione è unicamente focalizzata a godermi il calcio giocato. Mi sto preparando con la Federazione Olandese per ottenere i miei diplomi di allenatore. Ho già completato il primo ciclo e quasi terminato il secondo e quello finale. Quindi farò ancora parte di questo mondo, se non è dentro il campo, sarà fuori dal campo”.