Milan » Milan News » Milan, Galliani: “Fa tristezza essere decimi ma a fine anno non saremo lì. Matri? I fischi non lo aiutano, tornerà a fare gol”

Milan, Galliani: “Fa tristezza essere decimi ma a fine anno non saremo lì. Matri? I fischi non lo aiutano, tornerà a fare gol”

galliani
MILAN GALLIANI – Nel post partita di Milan-Atalanta ecco le dichiarazioni di Galliani come riportate da acmilan.com: “Auguri a tutti i nostri tifosi che ci stanno seguendo per un Buon Anno Nuovo. Il primo tempo poteva chiudersi con un vantaggio più largo, poi abbiamo sofferto nei primi quindici minuti del secondo tempo, ma siamo comunque riusciti a trovare altri due gol importanti per la vittoria. Sono contento per il 100esimo gol di Ricky, che è fantastico, fantastico, fantastico. Sono contento per l’esordio di Cristante, è un 95′, è un Primavera, un ottimo Primavera: lui sta qua, non si muove, l’ho già detto a lui e al suo procuratore, resta qui e si ritaglierà i suoi spazi. Già contro il Barcellona con la Primavera aveva tirato una sassata e fatto gol. Cristante l’ho visto bene, ma abbiamo anche un ’92 sulla fascia destra decisamente non male. Cominciamo ad avere in prima squadra alcuni giocatori della nostra Primavera, sono contento. E’ arrivato anche il 101esimo gol di Kakà, ricordo il suo primo gol nell’autunno del 2003 su assist di Gattuso, sono passati 10 anni. 101 gol per una mezzapunta sono tanti, sottolineano la classe di Kakà.
Ancelotti pur essendo a meno di due ore dalla sua partita, mi ha mandato un messaggino per congratularsi per il gol di Kakà, è sempre carino. Sin dal primo allenamento Kakà aveva capito che sarebbe stato un grandissimo campione e mi aveva chiesto dove l’avevamo preso perché era un grandisismo. Mi faccio solo i complimenti per essere partito per Madrid senza appuntamento con Florentino Perez e senza un accordo e di essere riuscito a riportarlo a casa. Lui e la sua famiglia sono felice qui, sua moglie anche, l’amore per la nostra maglia l’ha dimostrato con i fatti riducendosi lo stipendio, perchè baciare la maglia è facile ma ridursi lo stipendio meno.
Questa stagione stiamo giocando 3 competizioni: nella prima, la più importante, siamo agli ottavi di finale, e siamo l’unica italiana. Nella seconda non stiamo andando bene, siamo a a metà classifica e non è una posizione da Milan, nella terza non è iniziata. A fine stagione vedremo, faremo un bilancio e tutte le valutazioni del caso.
Non commento più i risultati, non servono a nulla i commenti. Ho sentito un pubblico insofferente, a ogni mezzo passaggio sbagliato fischiava. Matri ha sempre fatto bene, deve tornare a fare gol, deve sbloccarsi, si sbloccherà, i fischi non lo aiutano. E’ un ragazzo del nostro settore giovanile. Insieme ad Abate, De Sciglio e Cristante sono i 4 in campo del nostro settore giovanile. Faccio un appello ai tifosi del Milan: Matri non è un ex juventino ma un giocatore del settore giovanile del Milan che è tornato a casa. I fischi non lo aiutano, lo vedo anch’io che non fa gol in questo momento. Tornerà a farli. Honda mi ha detto che sarà felice quando giocherà bene nel Milan e aiuterà la squadra a vincere, ha carattere, vuole fare bene, ha una professionalità incredibile, beve solo acqua, sta attento a quello che mangia, è attentissimo e concentratissimo, credo farà bene, potrà convivere con tutti gli altri attaccanti. Fa talmente tristezza vedere il Milan al decimo posto in classifica, ma sono sicuro che alla fine dell’anno non sarà lì. Abbiamo qualche giocatore in uscita: vogliamo mandare Gabriel a giocare sei mesi per farsi esperienza così come Vergara. Anche Dida è rimasto due anni a fare esperienza in Brasile prima di venire da noi. Forse partirà Zaccardo, ma se non parte qualcuno non entra nessuno. Siamo in troppi. Dobbiamo avere il coraggio che hanno le squadre europee e fare giocare i giovani: abbiamo Cristante per il centrocampo, so che Montolivo e Muntari saranno squalificati in Champions ma giocherà Cristante con l’Atletico Madrid, al momento non ci sono operazioni di mercato in entrata. Noi abbiamo preso Rami e Honda in anticipo e quindi non sono condiderati acquisti di questo mercato e sono finiti nel dimenticatoio. Ora dobbiamo cercare di girare a 25, andare a vincere col Sassuolo, sono pochi anche 25 ma vedremo nel girone di ritorno. Mercoledì si terrà la presentazione di Honda attesissima in Giappone
“.

La redazione di milanlive.it