Milan » editoriali » 19^ Giornata Serie A, Sassuolo-Milan 4-3: voti e pagelle del match

19^ Giornata Serie A, Sassuolo-Milan 4-3: voti e pagelle del match

US Sassuolo Calcio v AC Milan - Serie ASERIE A 19^ GIORNATA GIRONE D’ANDATA | VOTI E PAGELLE DEI ROSSONERI

Risultato finale: Sassuolo – Milan 4-3

Sassuolo (3-4-3): Pegolo; Antei, Ariaudo, Magnanelli; Gazzola, Kurtic, Chisbah, Longhi; Berardi, Zaza, Ziegler. All.: Di Francesco
A disposizione: Pomini, Rosati, Pucino, Marzorati, Rossini, Valeri, Missiroli, Marrone, Gliozzi, Schelotto, Floro Flores, Farias.
Squalificati: Bianco (1)
Indisponibili: Terranova, Aladje, Acerbi, Alexe, Masucci

Milan (4-3-1-2): Abbiati; De Sciglio, Zapata, Bonera, Emanuelson; Cristante, De Jong, Nocerino; Kakà; Robinho, Balotelli. All.: Allegri
A disposizione: Gabriel, Coppola, Mexes, Rami, Silvestre, Zaccardo, Poli, Montolivo, Saponara, Honda, Pazzini, Matri.
Squalificati: Muntari (2)
Indisponibili: Abate, Birsa, El Shaarawy, Constant.

Marcatori: 9′ Robinho; 13′ Balotelli; 15′,28′, 40′, 47′, Berardi; 85′ Montolivo;
Ammoniti: Bonera, Balotelli, Antei, Ziegler, Zaza, Gazzola, Pegolo, De Sciglio, 
Espulsi:

Arbitro
De Marco voto: 7

Guardalinee
Barbirati voto: 7
Marzaloni 
voto: 7

Assistenti arbitrali aggiunti
Bergonzi voto: 7
Pinzani voto: 7

UOMO PARTITA MILANLIVE: DOMENICO BERARDI !!

VOTI E PAGELLE DEL MATCH FIRMATE DALLA REDAZIONE DI MILANLIVE.IT

US Sassuolo Calcio v AC Milan - Serie A

– Sassuolo –

| Pegolo voto: 6,5 | 

| Gazzola voto: 6 | Antei voto: 6+ | Ariaudo voto: 6+ | Magnanelli voto: 7 | 

| Kurtic voto: 6,5 (Dall’86’ Marzorati s.v.)| Chisbah voto: 6,5 | Longhi voto: 6,5 | 

| Berardi voto: 8 (Dal 78′ Schelotto s.v.)| Zaza voto: 7 (Dal 79′ Floro Flores s.v.)| Ziegler voto: 6 | 

| All. Di Francesco voto: 7 | 

– Milan –

Abbiati 5: Disattenzione incredibile in occasione del secondo gol di Berardi. Errore che a questi livelli non è accettabile. Nulla può sugli altri 3 gol del giovane Azzurro.

De Sciglio 6-: L’unico della difesa rossonera a salvarsi dagli orrori difensivi. In avanti si fa sempre trovare pronto ma i cross dal fondo lasciano troppo a desiderare.

Zapata 4: Non è facile trovare degli aggettivi tanto negativi per giudicare la prestazione del colombiano. Non prende mai le misure su Zaza e berardi che riescono sempre a creare grosse difficoltà in qualsiasi situazione d’attacco. Ogni palla in profondità è un pericolo, tanto merito a Berardi e compagni ma la fase difensiva del Milan è da film horror.

Bonera 4: Stesso discorso fatto per Zapata, anche per il numero 25 una serata da dimenticare. Annebbiati per 45 minuti nei quali si vede Berardi spuntare da tutte le parti senza mai riuscire a prendere le misure, dal primo all’ultimo minuto di gara. Se questi sono i difensori titolari di una squadra come il Milan…

Emanuelson 5: Soffre gli inserimenti alle spalle degli avversari e non è certo una novità (Vedi secondo tempo contro l’Atalanta della scorsa settimana), Pesanti colpe sul terzo gol dei padroni di casa. In fase offensiva non fa nulla di rilevante eccetto qualche cross regalato alle curve nonostante arrivi sul fondo piuttosto frequentemente e con relativa facilità.

Cristante 6: Gioca un ottimo primo tempo, forse il migliore dei suoi. In 15 minuti ruba un pallone dal quale un attimo dopo nasce il gol dell’1 a 0 di Robinho e qualche minuto dopo serve un grande assist per il raddoppio di Balotelli. Cala col passare dei minuti, più per colpa dei compagni che sua. Esce nella ripresa per far spazio a Montolivo
Dal 60′ Montolivo 6: Dà la carica giusta ai rossoneri che dopo il suo ingresso creano maggiori pericoli agli avversari. Trova un bel gol all’85’ d’esterno destro che risulta inutile ai fini del risultato.

De Jong 6: Corre tanto per arginare le amnesie difensive dei compagni ma questa sera i suoi sforzi sono serviti davvero a poco.

Nocerino 5: Riconfermato nonostante una prestazione mediocre nella giornata precedente contro l’Atalanta, vince il ballottaggio con Poli. Anonima, per usare un eufemismo, la sua partita.
Dal 60′ Pazzini 5: Si starà ancora chiedendo come ha fatto a colpire la traversa a porta vuota con la sua specialità migliore: il colpo di testa. E’ una domanda al quale nessuno, né tanto meno il calciatore, riuscirà mai a rispondere. Tutta colpa della traversa ci verrebbe da dire!
Traversa a parte, si rende pericoloso in parecchie occasioni creando spesso scompiglio alla retroguardia avversario che fa di tutto per contenere il suo entusiasmo e la sua voglia.

Kakà 6: Un primo non troppo esaltante per il brasiliano che vede i compagni segnare due gol in 15 minuti e gli stessi compagni subire 4 gol da un giovanissimo fenomeno classe ’94: Domenico Berardi. Nella ripresa il 22 rossonero gioca addirittura nei 3 di centrocampo ma la scossa arriva troppo tardi e complice anche la sfortuna, il Milan esce con zero punti da questa trasferta.

Robinho 6: Trova il gol dopo soli 9 minuti col sinistro a incrociare su assist di De Jong ma col passare dei minuti si limita a “giochicchiare” col pallone tra i piedi senza mai rendersi pericoloso. Nella ripresa tocca pochi palloni senza troppa convinzione.
Dal 65′ Honda 6: i suoi tifosi e i giornalisti giapponesi a seguito non hanno fatto un viaggio a vuoto. Primo esordio ufficiale con la maglia del Milan per Keisuke Honda che si presenta subito con una palo all’82esimo dal limite dell’area con un sinistro vellutato. Fatica i primi minuti a trovare la giusta posizione variando molto per tutta la zona offensiva: qualche buon cross dalla destra col suo piede debole e qualche buono scambio sullo stretto con Balotelli. Il tempo è dalla sua parte, forse la squadra un po’ meno!

US Sassuolo Calcio v AC Milan - Serie A

Balotelli 6,5: Il migliore dei suoi: lotta, corre, fa a sportellate con tutti, litiga e segna. La squadra, soprattutto in fase difensiva è stata, senza usare mezzi termini, a dir poco vergognosa ma in compenso in avanti Balotelli ha dimostrato di essere un leader prendendosi sulle spalle la squadra sotto di due gol. Va vicinissimo al gol in diverse occasioni, prima di testa poi a giro col destro. Unica pecca, sempre la solita: cerca troppo certi calci di rigore che non stanno né in cielo né in terra.

All. Allegri 4: Mai vista una fase difensiva così scandalosa, nemmeno nelle partitelle in oratorio. Con tutto il rispetto per il Sassuolo al quale va dato grosso merito per come ha giocato e interpretato la partita, una squadra come il Milan non può in alcun modo prendere 4 gol tutti su disattenzione collettiva e singola dei rossoneri. Analizziamo tutti e quattro i gol di Berardi.
Primo Gol: lancio di 25 metri, Berardi scappa alle spalle di Zapata e Bonera che dormono, salta Abbiati ed è 1-2.
Secondo gol: palla in profondità per Berardi, Bonera sbaglia l’intervento mandando l’avversario solo a pochi metri da Abbiati, recupero provvidenziale di Bonera il quale non chiude lo specchio della porta come dovrebbe ed è 2 a 2 complice una dormita anche dell’estremo difensore rossonero!
Terzo gol: altro lancio in profondità, ancora taglio di Berardi alle spalle del difensore che stavolta è Emanuelson ed è 3 a 2.
Quarto gol: Centrocampo e difesa stanno a guardare il giro palla dei neroverdi che allargano sulla sinistra per Kurtic, palla dietro per Berardi che dagli 11 metri firma il 4 a 2.
C’è un errore che si ripete per 3 gol su 4, il movimento in profondità dell’attaccante: la difesa rossonera non prende mai le giuste precauzioni su questi movimenti. La colpa di chi è?
Prossima partita in Coppa Italia contro lo Spezia a S.Siro: speriamo di non ripetere la stessa brutta figura di oggi.

 

Giacomo Giuffrida – www.Milanlive.it