French midfielder Vikash Dhorasoo is pic

Vikash Dhorasoo, ex giocatore del Milan, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni nel corso della sua interessante intervista ad Extra Time: “Furono trame drammatiche che neppure uno sceneggiatore poteva inventare: impensabile perdere con 3 gol di vantaggio col Liverpool, imprevedibile la testata di Zidane a Materazzi. Istanbul però fu il mio apice emotivo. Fui fiero di appartenere al Milan. Nella sconfitta capii che cos’è un grande club. Galliani entrò in spogliatoio scuro in volto, i giocatori erano in lacrime, e invece di insultarci ci disse che la storia del Milan continuava. E due anni dopo vinsero la Champions. Una bella lezione per squadre ambiziose come il Psg che magari gioca bene, ha grandi giocatori, ma a cui manca ancora l’anima. A Berlino provai frustrazione. In spogliatoio eravamo pietrificati e quasi nessuno applaudì Zidane come chiedeva di fare Domenech. Fu un’uscita di scena confusa. In pochi restammo a seguire la cerimonia di premiazione. Segno che non sapevamo perdere. A Istanbul, Maldini ci obbligò tutti a restare in campo fino all’alzata del trofeo: gesto di gran classe”.

Redazione Milanlive.it