Milan » Milan News » Bucchioni: “Campagna acquisti del Milan inutile, serviva un centrale di difesa affidabile”

Bucchioni: “Campagna acquisti del Milan inutile, serviva un centrale di difesa affidabile”

Bucchioni

Bucchioni

Enzo Bucchioni, direttore del Qs, ci ha spiegato questa mattina come vede le big del campionato dopo la finestra di mercato invernale.

Direttore, chi ne esce più rafforzato? Penso che sia stata una finestra che confermerà le gerarchie esistenti. La Juve ha fatto bene a prendere ora Osvaldo: lo cercava da tanto e adesso lo può testare. Il riscatto costa tanto (19 milioni ndr), ma a giugno i bianconeri cederanno almeno due tra Quagliarella, Vucinic e Giovinco. La Roma, invece, ha preso calciatori interessanti in prospettiva e ha puntellato il centrocampo con un gladiatore come Naingollan.

E il Napoli? Ha fatto un mercato che fatico a comprendere. Bene Jorginho, anche se ha solo 22 anni, ma Henrique è tutto da scoprire e Ghoulam deve adattaris alla serie A. Serviva un pezzo da novanta accanto ad Albiol: non è arrivato”.

Ieri Mario Sconcerti ha detto che con Rossi e Gomez titolari fissi la Fiorentina adesso sarebbe seconda. Condivido: Gomez è un leader e ha fatto due gol in due match. Rossi 14 nel solo girone d’andata. I viola sono stati sfortunati, ma il tedesco sta tornando e per Pepito i tempi sono meno lunghi di quanto si credeva.

L’inter ieri è stata asfaltata allo Juventus Stadium. I nerazzuri ci hano provato, ma con questa Juve, specie in casa, c’è poco da fare. La squadra di Mazzarri ha fatto, a mio avviso, l’acquisto più importante della sessione: Hernanes. Serviva un leader capace di accendere la luce in mezzo al campo. Non basta, ma l’inter è ancora in costruzione.

Chiusura con il Milan imbottito di trequartisti. Campagna acquisti a costo zero, piena di colpi ad effetto, ma non penso che serviranno molto alla causa. Serviva un centrale forte dietro: è arrivato Rami, ma dubito che sia molto meglio di Mexes. A giugno Seedorf dovrà capire chi è veramente degno di indossare la maglia rossonera e in società si dovrà far luce su chi comanda davvero. Poi via alla rifondazione.

Fonte: Europacalcio.it