Milan, Seedorf: “Non ho capito le parole di Berlusconi. El Shaarawy sta bene”

Clarence Seedorf
Clarence Seedorf

Queste le dichiarazioni rilasciate da Mister Clarence Seedorf nel corso della consueta conferenza stampa di presentazione della gara, alla vigilia di Atalanta-Milan:

C’è un po’ di delusione per Kakà e Robinho che non sono stati convocati per il mondiale, ma il Brasile ha sempre questo problema di lusso. Devo dire che sono due ragazzi straordinari e dopo questa notizia li ho visti anche con più grinta per dimostrare cosa valgono. Il Brasile non è cambiato molto dalla Confederations Cup e il ct avrà voluto dare continuità a quel gruppo. Questa settimana c’è stato grande equilibrio. Questa è la parola chiave. Bisogna essere bravi a continuare con forza con le proprie idee e il lavoro. C’è stato entusiasmo per la vittoria nel derby, un avversario di grande valore. Ora dobbiamo fare alte due partite al meglio. Il focus da mercoledì è stato sull’Atalanta. Da subito abbiamo spostato il focus dal derby all’Atalanta, portando quell’abbrivio in più dato dal derby. L’Atalanta mi sembra una squadra con grande orgoglio, li ho visti vivi conto la Juventus, vorranno fare bene in casa e avranno giocatori super-motivati. Tutti gli allenatori e i dirigenti saranno in Brasile per i Mondiali, quindi oltre al fatto che lavorerò con la BBC avrò la possibilità di vivere da vicino il Mondiale. Non ho niente da dire riguardo alle parole del Presidente Berlusconi, perché non le ho capite. Il mio focus è stato sull’allenamento, sulla squadra. E’ gratificante quando i giocatori sono disposti a dare pubblicamente le loro opinioni. Ho sempre parlato bene del gruppo perché vedo come lavorano, come convivono e i risultati parlano per loro, stanno lavorando bene e remando nella stessa direzione.

Io non credo che domani fuori dallo stadio ci sarà qualcosa. A parte in un episodio ha sempre vissuti bei pomeriggi di calcio contro l’Atalanta a Bergamo. Dobbiamo parlare di quello che vogliamo e vogliamo un bell’ambiente con i tifosi dell’Atalanta che sosterranno la loro squadra e i nostri tifosi che ci sosterranno. Con Zanetti siamo anche amici, ci siamo abbracciati prima del derby, l’ho ringraziato per quello che ha dato e gli ho fatto i complimenti per la sua carriera. E’ stato un grande professionista e una grande persona, magari ci fosse la possibilità di vedere più personaggi così nel futuro del calcio. Non so se confermerò la stessa formazione del derby. E’ probabile perché vogliamo dare continuità, ma questo aspetto è sempre aperto. La squadra si è sempre dimostrata consapevole di cosa si giocava. Abbiamo avuto un grande equilibrio a livelo psicologico e di gruppo. Mi aspetto una squadra che giochi con lo stesso entusiasmo e la stessa grinta delle ultime partite. El Shaarawy sta bene come stanno bene tutti gli altri 23. El Shaarawy ha molto entusiasmo, è felice, parliamo molto.

E’ importante la nostra partita, è l’unica cosa che penso e l’unica cosa che conta è pensare alla nostra partita, non a Torino-Parma. A Berlusconi piace Montella? Bisogna chiedere a lui. Ora cambiamo argomento. Rispetto il lavoro dei giornalisti, ma non voglio essere preso in giro perché ho risposto diverse volte a questa domanda. Dovete chiedere alla società. Sono tranquillo. Credo che le prestazioni di Balotelli parlano chiaro sulla sua crescita. Non cambieremo la nostra filosofia, sarà la stessa filosofia che abbiamo applicato da quando sono arrivato e non cambieremo contro l’Atalanta. Non parlo della formazione, è troppo importante questa partita per lasciar scappare informazioni delicate. E’ tutto possibile, vedremo che schieramento utilizzeremo. Io ho le idee ben chiare su come affronteremo l’Atalanta. Loro hanno giocato bene contro la Juve e nell’ultima partita in casa vorranno far bene. Dovremo essere giusti a livello di aggressività. Io mi emozioni tutte le volte che vedo la squadra gioire e i rapporti crescono nel tempo. Ci conosciamo meglio, abbiamo vissuto più cose assieme, il derby è sempre speciale ed è stato bello vedere la loro gioia e l’applauso per loro da parte dei tifosi. Tutte cose che accrescono l’affinità tra me e il gruppo.

Fonte: acmilan.com