Balotelli sì o Balotelli no? I tifosi del Milan si dividono

Mario Balotelli
Mario Balotelli

Dopo la partita vinta dall’Italia contro l’Inghilterra grazie ad un suo gol erano in molti a celebrare un Mario Balotelli finalmente decisivo in una partita importante e tra i tifosi del Milan sorgevano, per l’ennesima volta, dei dubbi in merito al suo futuro: cederlo o tenerlo? Dubbi rafforzatisi in seguito alla scialba prestazione contro Costa Rica con due occasioni importanti non concretizzati a pochi passi dalla porta. Due partite che sintetizzano molto quello che è Mario Balotelli: un attaccante che avrebbe dei colpi importanti, ma che non riesce a dare continuità di rendimento.

Nella sua stagione e mezza al Milan ha segnato 30 gol in 54 presenze, numeri che visti così non si possono che giudicare positivamente, però bisogna contare che tanti sono state le realizzazioni avvenute su calcio di rigore o su calcio di punizione. Sono sempre reti validissime, sia chiaro, ma ci si aspetta qualcosa di più da uno come Balotelli che avrebbe i mezzi tecnici per essere un attaccante migliore di quanto ha dimostrato sinora. Non si possono dimenticare le tante partite nelle quali il suo atteggiamento è stato irritante e nelle quali è stato protagonista di passeggiate per il campo e di comportamenti non proprio ‘da Milan’.

Il problema principale del giocatore è di carattere mentale: sarà in grado di fare il salto di qualità per diventare un campione oppure resterà un eterno incompiuto? Questo quesito ancora non trova risposta, anche perché appena Balotelli fa qualcosa di buono poi non riesce ad essere costante e pertanto rispuntano fuori tutti i legittimi dubbi che attanagliano soprattutto i tifosi del Milan, attualmente divisi in merito al futuro di Super Mario.

La sensazione è che alla fine Mino Raiola lo porterà lontano da Milano, probabilmente ci sarà un ritorno in Premier League dove l’Arsenal sembra deciso a puntare su di lui. Le ultime notizie di Calciomercato Milan ci segnalano che i Gunners hanno già pronta l’offerta e affonderanno il colpo al termine del Mondiale. Il club rossonero spera di ricavare una cifra di circa 35 milioni di euro, che in parte dovrebbe essere utilizzata sul mercato. La speranza dei tifosi è che con i soldi ricavati dalla cessione di Balotelli si possano acquisire giocatori utili a Filippo Inzaghi per riportare il Milan in alto. Le grandi cessioni del passato (Shevchkenko, Kakà, Thiago Silva, Ibrahimovic) insegnano che la società di via Aldo Rossi tende a reinvestire solo una piccola parte del ricavato e  lo fa su giocatori (R. Oliveira, Huntelaar, Zapata, Pazzini) di livello molto più basso rispetto a quello di coloro che vengono ceduti.

Dunque Balotelli sì o Balotelli no? Il dibattito rimane aperto e vedremo nelle prossime settimane quale sarà la scelta di Silvio Berluconi (colui che lo definì ‘mela marcia’) e quelle che saranno le reazioni di una tifoseria ancora spaccata, che più che pensare al singolo giocatore dovrebbe rivolgere la propria attenzione al rafforzamento complessivo della squadra. Il singolo, se non si chiama Diego Armando Maradona può fare poco, soprattutto se discontinuo. Invece un gruppo coeso e comunque di qualità può sopperire a molte carenze.

Matteo Bellan