C’è spazio per Honda nel Milan di Inzaghi?

Milan Honda
Keisuke Honda

Filippo Inzaghi ha le idee chiare su come schierare il suo Milan. Modulo 4-3-3 con degli attaccanti esterni in grado di attaccare e anche di ripiegare per dare un aiuto in fase difensiva. Con questo tipo di formazione Keisuke Honda risulta praticamente tagliato fuori. Il giapponese è un trequartista al quale piace agire nella zona centrale del campo alle spalle di una o due punte e relegarlo sulla fascia non lo aiuta a rendere al meglio. Già Clarence Seedorf gli aveva assegnato il ruolo di esterno destro nel suo 4-2-3-1 e l’ex Cska Mosca ha deluso, dimostrando di non essere in grado di ricoprire quella posizione anche perché non ha il passo per fare su e giù sulla corsia laterale.

Certamente nel modulo di Inzaghi, che prevede tre centrocampisti, il lavoro di ripiegamento per gli esterni d’attacco è meno faticoso rispetto a quando avveniva con Seedorf perché vi è maggiore copertura. Ciò potrebbe in parte agevolare Honda, che nelle idee del nuovo allenatore dovrebbe trovare spazio solamente sulla fascia destra. Difficile ipotizzare un suo impiego da regista nella linea mediana, anche se per caratteristiche tecniche e visione di gioco non sarebbe follia provarlo lì. Keisuke ha dimostrato di essere un serio professionista e di impegnarsi sempre al massimo, dunque si metterà a disposizione del mister per cercare di rendersi utile alla squadra e dare un contributo importante in una stagione che per lui e per il Milan dovrà essere di rilancio dopo quella passata che è stata fortemente negativa.

Honda viene da un buon Mondiale con il Giappone e sicuramente sarà motivato a far ricredere i tanti tifosi che in questi mesi lo hanno giustamente criticato, anche se in un’annata come quella terminata due mesi fa sono in pochi a salvarsi della squadra rossonera. Questo giocatore per la dirigenza è molto importante anche per fattori extra-calcistici che riguardano il marketing. Il Milan vuole espandere il proprio marchio in Giappone ed in generale in tutta l’Asia. Per fare ciò c’è anche bisogno che Honda faccia un salto di qualità e dimostri di poter essere un calciatore utile alla causa. Ovviamente ciò non basta, serve pure una squadra che torni competitiva ed in grado di poter nuovamente lottare per vincere trofei.

Dalle notizie di calciomercato Milan emerse, la dirigenza di via Aldo Rossi non ha mai messo preso in considerazione di mettere in vendita il calciatore nonostante le tante prestazioni negative. Honda avrà un’altra chance e vedremo se questa volta sarà all’altezza della situazione.

Matteo Bellan