Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi e il Milan, una storia che accende gli animi e anche gli umori di molti, soprattutto per via delle recenti dichiarazioni secondo le quali il Cavaliere non si sentirebbe ‘ascoltato’ dalle parti di Milanello. Nel programma La Zanzara su Radio 24 un imitatore di Dino Zoff ha costretto Berlusconi a rivelare con uno scherzo il suo parere sulla questione rossonera, come riporta Gazzetta.it:

 

“Quando uno è presidente di una squadra è chiaro che la società deve fare la campagna acquisti e avere con l’allenatore un rapporto di collaborazione, per cui se per esempio la società decide, per fare un esempio, di fare un attacco a tre punte con un centravanti e le ali, si compra e si fa una campagna acquisti in quella direzione. Se invece si decide di fare un attacco con due punte e un regista numero 10 tradizionale, si va in direzioni diverse. Quindi è chiaro che tra la società e l’allenatore ci deve essere un’assoluta condivisione di come si mette in campo la squadra. Le frasi su Inzaghi? Con Pippo è successo che hanno preso una frase mia detta a un convegno con 300 giovani… Mi dicevano: ‘presidente, lei continui sempre, vada ancora a Milanello, mi raccomando, ci raccomandiamo, vada sempre a Milanello…’. E io devo aver detto: sì, però poi bisogna seguire quello che si concorda…bisogna seguire quello che si decide insieme. Qualcosa del genere devo aver detto. Naturalmente la stampa prende una cosa e la gira come vuole lei. Io sono 20 anni che sono sul campo della difesa della libertà del mio paese, e mi hanno fatto di tutto e di più. Pensi come mi hanno attaccato sul piano della serenità, del tempo, della mia immagine, del prestigio personale, del mio patrimonio cercando di distruggerlo…”.

 

Redazione MilanLive.it