Hakan Sukur (Getty Images)
Hakan Sukur (Getty Images)

Hakan Sukur, il più prolifico attaccante della storia del calcio turco (51 gol in 112 presenze con la nazionale), ha vinto molto in patria con la maglia del Galatasaray ma la sua carriera è fatta anche di tre tappe in Italia con le maglie di Torino, Inter e Parma. L’avventura italiana non è stata molto fortunata, sono state infatti solo 10 le reti realizzate in 51 partite tra campionato e coppe.

 

La redazione di calciomercato.com ha intervistato Sukur per commentare proprio la sua esperienza in Serie A: “Principalmente vanno valutati i singoli casi. Quando arrivai all’Inter fu per volontà di Lippi, che peró fu esonerato poco dopo. Il cambio in panchina non aiuta mai e per un attaccante come me era fondamentale la continuità. C’erano 7 attaccanti in rosa e al primo errore finivi in panchina. Al Parma ho fatto meglio, ma anche li ero arrivato parlando con Sacchi che poi andò via. Ho avuto un po’ di difficoltà di ambientazione, ma ho l’Italia nel cuore“.

 

La leggenda turca ha anche ammesso di essere stato vicino al Milan: “Si è vero ero anche andato a San Siro a vedere due partite del Milan, poi é arrivata l’Inter che mi ha voluto e mi ha portato a Milano“.

 

Redazione Milanlive.it