Filippo Inzaghi & Adriano Galliani
Filippo Inzaghi & Adriano Galliani

Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ha parlato ai microfoni di Tuttomercatoweb.com dalla sede della Lega Calcio su diversi temi legati alla squadra rossonera.

 

La vittoria di Verona: “Siamo molto soddisfatti della vittoria. Ne ho parlato con Inzaghi anche stamattina. Ci siamo sentiti un paio di volte. Bene così”.

 

Il giudizio su Inzaghi: “Siamo soddisfatti anche di lui. Ma si è percepito subito il cambiamento, fin dalla prima partita con la Lazio c’era un’atmosfera diversa e penso che l’abbiano capito tutti, in primis i tifosi. C’era un’aura buonissima. Sta facendo bene. Lo si vede dal gioco, dal numero di gol fatti e dall’atmosfera che c’è a Milanello. Lo vedete tutti”.”.

 

Il rendimento di Honda: “E’ sempre stato un giocatore importante, essendo arrivato a gennaio non ha fatto la preparazione, doveva ambientarsi in un paese nuovo. Anche il grande Platini ci mise un po’ per diventare quello che poi è diventato. Ma senza paragonare Honda a Platini voglio dire che i giocatori stranieri, a volte, hanno bisogno di tempo per ambientarsi. Sta facendo un campionato fantastico. Ha fatto sei gol senza rigori e ha fatto gol anche nel trofeo TIM e in amichevole a Valencia. Erano partite vere. Sta facendo un filotto di gol impressionante. La svolta? Lo schema di gioco. Lui è mancino e gioca a destra e Pippo è stato bravo a metterlo in campo in un certo modo e lui non aveva mai fatto quel ruolo. E lo sta facendo bene”.

 

Il momento di Fernando Torres:E’ appena arrivato, diamogli un minimo di tempo per ambientarsi”.

 

La situazione di El Shaarawy:Era già recuperato. Secondo me è perfetto perché sa fare la doppia fase. È uno dei nostri gioielli assoluti e uno stra titolare e lui lo sa. Adesso sta bene fisicamente e non ha detto niente di strano. L’imprecazione a fine gara era con se stesso. A differenza di 30-40 anni fa, oggi si possono leggere i labiali e ci sono anche molti più media che seguono il calcio. El Shaarawy e Honda sono due attaccanti esterni super perché sanno fare la doppia fase”.

 

La soddisfazione di Berlusconi:Assolutamente si. È soddisfatto del gioco e dell’insieme. È fondamentale la sua vicinanza, la sua presenza a Milanello tutti i venerdì. Ieri ha chiamato 10 minuti prima della partita Pippo per fargli l’in bocca al lupo. La vicinanza del presidente è uno degli elementi fondamentali del Milan a questo periodo. Le sue battute? C’è una grande coesione totale tra tutti. Il modulo è condiviso con il presidente. È vero che ho sempre detto che lo scudetto lo vince chi prende meno gol ma fare tanti gol è divertente”.

 

Il mercato:Ho ben in mente dove dobbiamo rafforzarci ma non ve lo dico”.

 

Il possibile arrivo di Suso dal Liverpool a gennaio: “Non parlo del mercato. Suso è in scadenza di contratto e ci dirà se vorrà cambiare casacca o rimanere dov’è”.

 

L’ipotesi Khedira:Andrebbe bene ma guadagna molto. È un giocatore importante ma non si sa se rinnoverà o meno con il Real e se non rinnoverà, chiede un ingaggio molto elevato”.

 

Il mercato in uscita:Noi troviamo la possibilità ai giocatori di esser ceduti ma se non accettano le destinazioni non ci possiamo fare nulla. Al momento siamo in 26, il 27° è Montolivo e il 28° è Mastour. Siamo in eccesso di uno-due giocatori e non abbiamo gente fuori rosa”.

 

Redazione Milanlive.it

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it