Giampaolo Pazzini (Getty Images)
Giampaolo Pazzini (Getty Images)

Il Milan non è solamente concentrato a definire l’operazione relativa all’arrivo di Alessio Cerci dall’Atletico Madrid in cambio di Fernando Torres, ma pensa anche ad alcune cessioni per snellire la rosa di Filippo Inzaghi e anche il monte ingaggi oltre a permettere magari di incassare qualche soldo utile per reinvestire nel calciomercato.

 

Per quanto concerne il reparto difensivo gli indiziati a partire sono Cristian Zaccardo e Michelangelo Albertazzi, mai considerati dall’allenatore rossonero e destinati a lasciare Milano se ci saranno delle offerte che riusciranno a soddisfare i due calciatori. In bilico Pablo Armero, che ultimamente ha trovato la titolarità sulla fascia sinistra grazie all’infortunio di Mattia De Sciglio. Inzaghi nel ruolo vorrebbe qualcosa di meglio e dunque il colombiano non è ancora certo di rimanere.

 

A centrocampo incerto il futuro di Marco van Ginkel. L’olandese è infortunato, ma ha già manifestato il suo scontento per il poco utilizzo in questi mesi e potrebbe tornare al Chelsea anticipatamente rispetto alla scadenza del prestito. Un altro che può salutare è Riccardo Saponara. Anche per lui minutaggio molto scarso e possibile prestito in un altro club, magari in quell’Empoli dove si era affermato calcisticamente pochi anni fa in Serie B.

 

In attacco Torres è diretto all’Atletico Madrid, mentre ancora non si sa se Giampaolo Pazzini resterà o meno. Ancora non sono arrivate offerte convincenti. Il Milan spinge per la cessione immediata dato che non sembra esserci margine per il rinnovo del suo contratto, che scade a giugno 2015. Il Pazzo è considerato una riserva da Inzaghi e vuole andare altrove per ritrovare continuità di impiego e soprattutto gol. Anche M’Baye Niang è nella lista dei giocatori trasferibili e pure per lui si attende l’offerta giusta. Un rientro in Francia è possibile.

 

Redazione MilanLive.it