Barbara Berlusconi (Getty Images)
Barbara Berlusconi (Getty Images)

Secondo quanto rivelato da TuttoSport, il Milan lavora sotto traccia per cercare investitori disposti ad entrare nel pacchetto azionario del club con quote inizialmente di minoranza. I primi sondaggi sono stati effettuati negli nei paesi arabi e a tal proposito rimane ancora in piedi l’ipotesi di Emirates come azionista-sponsor. Non dimentichiamo poi che con la compagnia aerea sono in ballo anche discorsi relativi allo stadio.

 

Ma la novità è che la famiglia Berlusconi avrebbe dato mandato ad uno studio legale di Milano di cercare potenziali partner anche negli Stati Uniti, seguendo la linea tracciata dalla Roma e dal Bologna che sono di proprietà nordamericana. Sembra però che i primi riscontri non siano stati positivi, perché le richieste della Fininvest per cedere quote del club sono ritenute troppo elevate rispetto a quello che è il reale valore dell’asset rossonero. Si parla di una domanda di circa 300 milioni per il 30% delle azioni, ma a questa cifra nessuno sembra voler investire.

 

Intanto Barbara Berlusconi a fine mese effettuerà un viaggio in Giappone per incontrare i vertici delle aziende che finora hanno deciso di stringere una partnership commerciale con il Milan. Magari la vicepresidentessa cercherà anche nuovi sponsor che vogliano legare il proprio marchio a quello del club di via Aldo Rossi.

 

Redazione MilanLive.it