Pippo Inzaghi (Getty Images)
Pippo Inzaghi (Getty Images)

Dopo il lungo confronto negli spogliatoi dell’Olimpico tra lo staff, Adriano Galliani e la squadra, mister Pippo Inzaghi ha commentato la disastrosa sconfitta subita questa sera. Ecco le sue dichiarazioni rilasciate ai microfoni di Mediaset Premium: “In questo mese è successo che abbiamo perso qualche certezze. Partite non più all’altezza. Bisogna lavorare, giocare meglio. Non riusciamo ad essere più alti come prima. Martedì avremo di nuovo la lazio, e passare il turno sarà obbligatorio. Quando alleni il Milan e non fai bene, non puoi non sentirti in discussione. In questi 4 mesi abbiamo illuso tutti con buone prestazioni. Dobbiamo ritornare a fare quello che sapevamo fare fino a qualche mese fa.”

Sulla reazione a fine partita di Philippe Mexes: “Mexes ha chiesto scusa. Era stato provocato ma questa scena non ci voleva. Ha chiesto scusa, quindi andiamo avanti.”

Continua Inzaghi: “Di positivo? Che i ragazzi erano affranti. Dobbiamo riordinare le file, e dobbiamo assolutamente recuperare il coraggio che ci è mancato. Riguarderemo la partita, ma non dobbiamo buttare a mare tutto quello che è stato. Dovremo dare certezze alla squadra e martedì cercare di vincere. Bisogna lavorare su tutto. La testa è importante. Dobbiamo trovare le certezze nel gioco, e da lì possiamo ritornare il Milan di qualche mese fa…”

Sulla prestazione difensiva: “Nel primo tempo non aveva fatto male. Poi nn ha sofferto solo la difesa, abbamo difeso male tutti. Non si possono regalare due gol in 6 minuti. Bisogna rimboccarsi le maniche e tirare fuori quello che non si può dire, e vincere martedì. “

Sul mercato: “Io alleno quelli che ho. Abbiamo perso Zapata e De Sciglio per tanto tempo e sugli esterni siamo un po’ a corto. La società  vedrà il da farsi…”  

Infine, sulla prestazione di El Shaarawy: “Aveva abituato tutti bene, e adesso è un momento difficile per tutti. Lavorare, lavorare, lavorare, io conosco solo questo”

Redazione MilanLive.it