Filippo Inzaghi (Getty Images)
Filippo Inzaghi (Getty Images)

La Gazzetta dello Sport di oggi parla di un’atmosfera finalmente positiva dopo un mese grigio ed a tratti burrascoso in casa Milan; i risultati stentavano ad arrivare e il posto di mister Inzaghi cominciava a traballare parecchio, nonostante la fiducia incondizionata della dirigenza. Ma tra un mercato comunque ricco e positivo e la vittoria contro il Parma sono tornati i sorrisi, i primi nell’anno solare 2015.

 

Ieri a Milanello grinta e ottimismo erano all’ordine del giorno, nonostante la conferma del mese di stop per Ignazio Abate complice una lesione muscolare. Inzaghi è rimasto sorpreso e soddisfatto dall’impegno dei suoi contro i ducali domenica sera e soprattutto della abnegazione di tutti verso il nuovo modulo. I porta bandiera di questa mini-risalita sono i soliti Diego Lopez e Jeremy Menez, i migliori per distacco e per media voto della stagione rossonera. Il portiere spagnolo ha ancora salvato i suoi nel primo tempo, mentre il francese sale a 12 reti in campionato con una doppietta decisiva e implacabile.

 

Ma la soddisfazione si estende anche verso un Alessio Cerci più brillante del solito, un po’ sofferente nella fase di contenimento ma devastante nell’atto di ripartenza. Positivo Andrea Poli, grintoso e combattivo in mezzo al campo, così come Mattia Destro, magari poco al centro del gioco ma con tanta voglia di fare messa a disposizione del gruppo. Segnali positivi che non devono però indurre ad un calo dell’attenzione: sabato c’è la Juventus e servirà un Milan da vertice per fare risultato.

 

Redazione MilanLive.it