Menez bis: “Rifiutai il Manchester United, ecco perché”

Jeremy Menez (Getty Images)
Jeremy Menez (Getty Images)

A distanza di un paio d’ore, circolano sul web altri frammenti dell’intervista rilasciata a beIN Sports  da Jeremy Menez. L’attaccante del Milan ha ammesso di non possedere “un carattere facile” e ha riconosciuto sia i pregi che i difetti che lo caratterizzano, ma si dice molto cresciuto. Secondo il francese, per la sua maturazione calcistica è stata fondamentale soprattutto l’esperienza al PSG, nonostante l’ultima stagione non sia stata proprio esaltante.

 

Il trequartista, ora felice al Milan, ha svelato anche un clamoroso retroscena: il talento transalpino fu ad un passo dal Manchester United. “All’età di 16 anni, Alex Ferguson m’invitò a Manchester. Avevo visto una gara all’Old Trafford e l’atmosfera era straordinaria, dunque l’idea di giocare allo United mi eccitava. Insieme ai miei genitori, però, decisi di declinare l’offerta, preferendo la mia educazione”. Dietro a un rifiuto quasi folle dunque, si è celata la decisione di crescere con pazienza e dedizione. Chissà dove sarebbe potuto essere Menez in questo momento se avesse assecondato le avance si Sir Alex; molto probabilmente non avrebbe avuto l’occasione di esaltare i tifosi di San Siro con la maglia rossonera.

 

Andrea Panzeri – Redazione MilanLive.it