Maxi Lopez ricorda: “Pazzesco che il Milan mi chiuse in albergo”

Maxi Lopez, ex di turno
Maxi Lopez ai tempi del Milan

Al Milan è stato solo pochi mesi, ma sono pieni di aneddoti. L’attaccante argentino Maxi Lopez, che ora sta facendo le fortune del Torino (specie in Europa League, dove è risultato decisivo contro l’Athletic Bilbao), intervistato dal Corriere della Sera, è tornato a parlare di quel curioso trasferimento del gennaio 2012 quando è rimasto chiuso in un hotel di Milan in attesa della fumata bianca: “Pazzesco a ripensarci. Stavo per lasciare Catania accettando una proposta dalla Premier League quando si fece avanti il Milan. Ci tenevo a giocare in una big, così presi l’aereo. Non immaginavo di dover restare prigioniero in albergo per tanti giorni prima della firma. Nella mia carriera ho sempre conquistato tutto con fatica”. L’annuncio del passaggio in rossonero arrivò il 27 gennaio, ma l’argentino restò chiuso in albergo diversi giorni prima di poter firmare perchè il Milan stava valutando anche alcune alternative. Con il Milan ha totalizzato 8 presenze in campionato, segnando un solo gol, che fu però decisivo per i tre punti: l’11 febbraio infatti, allo Stadio Friuli contro l‘Udinese, oltre a realizzare la rete del momentaneo 1-1, riuscì a fornire anche l’assist per il definitivo 1-2 di Stephan El Shaarawy.

 

Redazione MilanLive.it