Attento Milan, il Cagliari a San Siro con il coltello tra i denti

Marco Sau (Getty Images)
Marco Sau (Getty Images)

Sabato sera il Milan ospiterà a San Siro il Cagliari di Zdenek Zeman. L’anticipo serale della 28esima giornata di campionato vedrà in campo due squadre che stanno attraversando un momento di stagione molto delicato e con un disperato bisogno di una vittoria anche se per motivi completamente differenti. Da una parte ci sarà la truppa di Filippo Inzaghi, il cui ultimatum viene sempre posticipato ma nuovamente e inderogabilmente chiamato a una riscossa dopo l’ennesima figuraccia patita contro la Fiorentina; dall’altra ci saranno i sardi, tornati sotto la guida del maestro boemo e col dente avvelenato dopo il pareggio subito a pochi secondi dalla fine contro l’Empoli. La sfida di San Siro dunque si rivela cruciale per entrambe le compagini, soprattutto per il Cagliari che ha bisogno dei 3 punti per continuare a sperare nella rincorsa alla salvezza.

 

Zeman è stato chiaro in conferenza stampa: i rossoblu rispettano i padroni di casa, ma la situazione in classifica impone di venire a Milano per cercare la vittoria e non ci sarà spazio per chi non darà il cento per cento nell’arco di tutti i 90 minuti. Il Cagliari non ha nulla da perdere e vuole ripetere l’impresa già compiuta nel girone d’andata con l’Inter, proprio in questo stadio e con un sonoro 4-1. Il gol di Matias Vecino arrivato in extremis nell’ultima sfida del Sant’Elia ha impedito a Zeman di festeggiare il suo ritorno in panchina con un successo e non lascia ulteriore margine d’errore alla squadra che attualmente ricopre la terzultima posizione in classifica. Contro il Milan quindi, il Cagliari si gioca il tutto per tutto e i giocatori scenderanno sicuramente in campo con il coltello tra i denti per mettere pressione all’Atalanta, distante 4 lunghezze e provare il rush finale per non finire in Serie B.

 

Ecco dunque che Zeman è pronto a giocarsi le sue carte e a schierare una formazione votata all’attacco anche per colpire i punti deboli della squadra di Inzaghi. Marco Sau, Joao PedroPaul-Jose M’Poku dovrebbero formare un tridente offensivo temibilissimo e saranno proprio questi tre i nomi dei giocatori che i rossoneri dovranno marcare con più attenzione. La difesa del Milan ha più volte dimostrato di soffrire parecchio la rapidità degli avanti avversari e molti dei gol subiti in questa stagione sono arrivati su tagli e incursioni di attaccanti molto più rapidi e veloci dei vari Philippe Mexes e Gabriel Paletta (i due probabili centrali  difensivi di sabato sera). A complicare ulteriormente le cose, potrebbe essere il jolly Diego Farias, autentica mina vagante che già all’andata mise in difficoltà i rossoneri. Tonicità, freschezza atletica e dinamismo potrebbero essere le armi più pericolose del Cagliari, contro un Diavolo che ha dimostrato di non saper competere con squadre che superano un certo ritmo durante la partita. L’1-1 dell’andata acciuffato solo con una magia di Giacomo Bonaventura insegna che i rossoblu saranno un avversario ostico e senza il giusto atteggiamento il Milan rischia davvero di sprofondare sotto i colpi dei ragazzi di Zeman.

 

Andrea Panzeri – Redazione MilanLive.it