Silvio Berlusconi (Getty Images)
Silvio Berlusconi (Getty Images)

Dopo le dichiarazioni rilasciate a La Gazzetta dello Sport, Silvio Berlusconi ritorna a parlare della situazione relativa alla cessione del club. Il n. 1 rossonero afferma a Telenorba di cercare nuovi investitori, ma si prepara anche all’eventualità di non riuscirci: “La mia preoccupazione è di fare il bene del Milan e di noi milanisti. Se non lo troverò sarò costretto con preoccupazione, ma anche con immenso piacere, a fare io il presidente del Milan. La situazione è molto semplice: nel calcio sono arrivati i petrodollari. Il Qatar – ribadisce ancora il presidente rossonero – , per esempio,nel Psg investe ogni anno 250 milioni”.

 

Successivamente confessa di non aver trovato nessuno che soddisfi le sue richieste. Nonostante ci siano stati numerosi incontri con Bee Taechaubol e alcune cordate cinesi, Berlusconi è ancora alla ricerca dell’investitore ideale: “E’ chiaro che una famiglia non può reggere la competizione con uno stato. Quindi ho dovuto, – riporta quotidiano.net – con dolore, prendere atto di questa situazione e mi sono aperto alla ricerca di qualcuno che volesse portare la squadra, con un contributo economico, a essere ancora protagonista in Italia e nel mondo. Finora – conclude – questo qualcuno non l’ho trovato e continuo la ricerca”. Se non dovesse trovare le figure adatte a rilanciare il club, ha ribadito che tenterà di varare un progetto tutto italiano per il futuro.

 

Redazione MilanLive.it