Berlusconi e Xi Jinping nel 2011 (getty images)
Berlusconi e Xi Jinping nel 2011 (getty images)

Enrico Letta era presente all’evento Report Calcio che si sta svolgendo al centro tecnico di Coverciano. Al margine della presentazione il politico nonché tifoso rossonero ha voluto commentare la situazione legata al possibile passaggio di proprietà del Milan dalle mani di Silvio Berlusconi a cordate straniere provenienti dall’Asia: “Non ho elementi per poter giudicare il passaggio di proprietà del Milan – ha dichiarato Letta – Secondo me questo è il classico caso in cui investimenti stranieri, soldi che arrivano freschi da paesi come quelli dell’Asia, possono aiutare. Sicuramente sarebbero un fatto positivo quindi io tifo affinché trattative del genere vadano bene. C’è bisogno infatti che arrivino investimenti, a Milano come città ed al Milan in particolare perché una stagione come questa spero sia irripetibile”

 

L’ex Presidente del Consiglio dei Ministri, dunque, deluso dall’ennesima stagione negativa della squadra, strizza l’occhio ai capitali provenienti da Oriente e non troverebbe nessun bisticcio politico se Berlusconi decidesse di vendere il club a una cordata sponsorizzata dal Governo di Pechino: “Il Milan in mano ai comunisti cinesi? Credo che i soldi non abbiano un’ideologia. C’è bisogno assolutamente di investimenti, vediamo quali saranno. Più ce ne sono, meglio è e se arrivano da Pechino non cambia nulla”.

 

Andrea Panzeri  – Redazione MilanLive.it