Pazzini e Mexes come Flamini: rinnovo a cifre basse pur di restare

Duello tra Kovacic e Mexes (getty images)
Duello tra Kovacic e Mexes (getty images)

Una squadra intera in casa Milan è attualmente in scadenza di contratto e attende i prossimi giorni per capire cosa ne sarà del proprio futuro. Detto della sicura partenza di Michael Essien, che già è pronto a legarsi al Panathinaikos in Grecia, per gli altri elementi che hanno il contratto valido fino al 30 giugno prossimo se ne parlerà a breve. Come scrive Tuttosport, è pronta la sfilata nella sede di Casa Milan per discutere le varie situazioni.

 

Christian Abbiati deve scegliere se rinnovare un altro anno o entrare nei quadri dirigenziali o tecnici del Milan. Ignazio Abate a breve firmerà il tanto atteso rinnovo per altri tre o quattro anni. In bilico la situazione di Daniele Bonera, mentre Galliani farà di tutto per convincere Nigel de Jong a restare, nonostante il Manchester United lo aspetti da mesi a braccia aperte.

 

Gli unici due che sembrano intenzionati a trattare sono Giampaolo Pazzini e Philippe Mexes, che recentemente hanno ammesso all’unisono di voler restare in rossonero. Per loro pronta la soluzione stile Mathieu Flamini, l’ex mediano che nel 2012 decise di decurtarsi nettamente l’ingaggio pur di restare almeno un altro anno con la banda Allegri. I due attuali rossoneri sono pronti a limare le pretese e abbassarsi gli elevatissimi stipendi. Pazzini percepisce 2,7 milioni netti a stagione, Mexes addirittura 4; a certe cifre il Milan non può e non intende confermarli.

 

Redazione MilanLive.it