Aquilani: “Al Milan esperienza assurda. Non fui riscattato per 2 presenze…”

Aquilani
Aquilani

La Gazzetta dello Sport di oggi ha intervistato un ex rossonero, in realtà non troppo acclamato, come Alberto Aquilani, centrocampista italiano che dal 1 luglio è svincolato per via della fine del contratto con la Fiorentina. In attesa di trovare un nuovo lido dove approdare, il mediano nativo di Roma ha parlato delle sue esperienze passate, con un retroscena anche sul Milan.

 

Aquilani ha raccontato i motivi del suo mancato riscatto nel 2012, dopo una stagione in parte positiva con la squadra allora guidata da Massimiliano Allegri: “La Juventus non mi riscattò l’anno prima nonostante fossi stato tra i più positivi, mentre rimase qualcuno che era andato peggio di me, ma non faccio nomi. Con il Milan avevo un accordo di prestito con riscatto automatico al raggiungimento di 25 presenze ufficiali. A fine settembre ero arrivato a diciotto, avevo sei mesi per giocare. Mi infortunai, arrivai a 23 e Galliani mi disse chiaramente che mi avrebbe tenuto volentieri ma non a certe cifre“.

 

Una storia ‘assurda’ quella di Aquilani in rossonero come da lui stesso ammesso alla Gazzetta; e chissà che, in caso di mancanza di alternative, Galliani possa pensare proprio all’ex rossonero svincolato come rinforzo low-cost e di esperienza per completare il reparto di centrocampo per Mihajlovic.

 

Redazione MilanLive.it