Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Nonostante la rosa del Milan necessiti ancora di una coppia di difensori centrali di livello e di un centrocampista di qualità, Zlatan Ibrahimovic rimane l’unico nome al momento capace di far sognare i tifosi rossoneri. Il ritorno dello svedese potrebbe spostare gli equilibri all’interno del prossimo campionato e, pur di riaverlo in squadra, il club di via Aldo Rossi sarebbe disposto ad affrontare un esborso di circa 50 milioni di euro lordi. In collegamento per Sky Sport 24, l’esperto di calciomercato Gianluca Di Marzio ha fatto il punto della situazione su questa importante operazione, ribadendo che sarà lo stesso giocatore ad essere decisivo per la positiva conclusione della trattativa.

 

Quando Ibra è andato dal presidente Nasser Al-Khelaïfi c’era la volontà di farsi liberare e tornare al Milan. L’emiro, però, ha spiazzato sia lui che Mino Raiola dimostrandosi pronto a concedere a Zlatan qualsiasi tipo di ingaggio e dimostrando un grande affetto nei suoi confronti – ha dichiarato Di Marzio – In quel momento il giocatore e il suo agente non hanno avuto così la forza di spingere e di forzare per la cessione. Con la notizia della sospensione del fair-play finanziario, però, le cose dovrebbero cambiare ancora una volta e la trattativa per portare Angel Di Maria al PSG potrebbe anche portare Laurent Blanc a giocare con Edinson Cavani unica punta e due trequartisti dietro, liberando così Ibra. Il Milan continua ad aspettare che sia il giocatore a fare la prima mossa e che Raiola vada dalla dirigenze parigina per provare a liberarlo. C’è da aggiungere che Adriano Galliani avrebbe addirittura avuto il via libera per versare un indennizzo al PSG di 4-5 milioni di euro pur di convincere lo sceicco. Ora più che mai, comunque, tutto dipende da Ibra“.

 

Andrea Panzeri – Redazione MilanLive.it