La Fiorentina festeggia un gol in amichevole (Getty Images)
La Fiorentina festeggia un gol in amichevole (Getty Images)

Domenica alle ore 14:45 inizierà il campionato di Fiorentina e Milan. Allo stadio Artemio Franchi di Firenze, le due squadre si affronteranno per iniziare con una vittoria la stagione: tuttavia, battere i viola in casa loro non è mai stato facile e i rossoneri arrivano a questa sfida dopo una rivoluzione passata per il calciomercato. Anche gli avversari, però, sono cambiati ed ecco una nostra rapida analisi per conoscerli meglio.

 

Dopo la burrascosa separazione con Vincenzo Montella, sulla panchina della Fiorentina si è seduto Paulo Sousa, tecnico portoghese arrivato dal Basilea. Il nuovo allenatore ha subito imposto i suoi cambiamenti: meno possesso palla e più aggressività con un pressing molto alto e nelle amichevoli pre-campionato i risultati si sono visti eccome. I viola sono la squadra di Serie A che ha ottenuto ilo score migliore durante questa estate, collezionando 7 vittorie su 9 partite disputate e superando avversari come Barcellona e Chelsea. Lasciando stare il “calcio d’agosto”, la sessione di calciomercato ha portato alcune evoluzioni anche nella formazione titolare: Mario Gomez è volato in Turchia per giocare nel Besiktas e al suo posto è arrivato Nikola Kalinic, attaccante croato proveniente dal Dnipro; in porta, Anton Tatarusanu è stato promosso titolare dopo la cessione di Norberto Neto alla Juventus, mentre in difesa si vedrà la nuova coppia di centrali formata da Gonzalo Rodriguez e il neo-acquisto Davide Astori; a centrocampo, infine, ecco l’ex Atletico Madrid Mario Suarez, sbarcato in Italia come contropartita tecnica nella trattativa che ha portato in Spagna Stefan Savic.

 

Nel novero dei nuovi acquisti, però, si potrebbe inserire anche Giuseppe Rossi: l’attaccante italiano ha giocato pochissimo anche nella scorsa stagione a causa dei soliti infortuni, ma ora sembra essersi ristabilito e punta a trascinare la Fiorentina con i suoi gol. A fare coppia con lui in attacco, poi, quest’anno potrebbe esserci Federico Bernardeschi: il classe 1994 ha recentemente “matato” il Barça con due reti ed è parso pronto per affrontare una stagione da titolare. La sua ascesa nelle gerarchie di mister Sousa, inoltre, potrebbe essere aiutata dal caso-Joaquin, spostato in panchina dopo aver palesato il desiderio di fare ritorno al Betis Siviglia. Tra gli altri, infine, vanno elencati i volti noti come il centravanti Khouma Babacar, il fantasista Josip Ilicic e l’esperto centrocampista Borja Valero.

 

Per finire, ecco la probabile formazione (4-2-3-1) che affronterà il Milan: Tatarusanu; Tomovic, G. Rodriguez, Astori, Alonso; Borja Valero, Suarez; Mati Fernandez, Bernardeschi, Ilicic, Kalinic.

 

Andrea Panzeri – Redazione MilanLive.it