Axel Witsel (Getty Images)
Axel Witsel (Getty Images)

Al 2 settembre, a due giorni dalla chiusura del mercato estivo, bisognerebbe ormai solo concentrarsi sul campo, sulle prossime sfide tra campionato e coppe, sugli impegni delle Nazionali. Invece i rumors sulle trattative fanno ancora parlare di se’ e creano il solito scompiglio tra stampa e tifosi. Il Milan ad esempio è già proiettato alla sessione di gennaio, quella cosiddetta di riparazione, nella quale provare a completare l’organico e sopperire alle mancanze.

 

E il nome di Axel Witsel, desiderio di mercato mancato per pochissimo da Adriano Galliani e compagnia, tornerà certamente di moda. Come riporta oggi Tuttosport, il suo trasferimento verso l’estero è sfumato per mancanza di tempi tecnici ma anche per l’impossibilità del club russo di trovare il suo sostituto in breve tempo. Dunque resta a San Pietroburgo almeno fino a gennaio, con il Milan che virtualmente appare in pole per poterlo strappare dal campionato sovietico.

 

Witsel vuole fare una nuova esperienza e giocare in un torneo più competitivo, avrebbe detto sì al Milan molto volentieri, ma per l’accordo servirà convincere lo Zenit con un’offerta di alto livello. E magari in tal senso il prossimo sbarco a Milano di Mr. Bee Taechaubol potrebbe essere decisivo: il broker thailandese vuole presentarsi come nuovo socio di minoranza facendo felici i tifosi. Cosa meglio di un colpaccio di mercato?

 

Redazione MilanLive.it