Jeremy Menez e Andrea Ranocchia (Getty Images)
Jeremy Menez e Andrea Ranocchia (Getty Images)

Due calciatori scontenti, passati dai rispettivi ruoli di leader della difesa a comparse in panchina. Da una parte il capitano interista Andrea Ranocchia, che ormai indossa la fascia solo simbolicamente visto che nella nuova Inter di Roberto Mancini non c’è più spazio per lui, superato nelle gerarchie dai nuovi acquisti Murillo e Miranda. Dall’altra Philippe Mexes, pupillo di Silvio Berlusconi, rimasto forzatamente a San Siro nonostante fosse consapevole della poca considerazione da parte di Sinisa Mihajlovic.

 

I due, come scrive Tuttosport, potrebbero essere complici di una manovra di mercato che si stava già concretizzando a fine agosto e potrebbe riproporsi senza troppi indugi a gennaio. Il Milan aveva ceduto alla Fiorentina Mexes, con il benestare ovvio di Mihajlovic e dello stesso difensore francese. In cambio Adriano Galliani avrebbe trovato l’ok di Ranocchia per passare dall’altra sponda dei Navigli, come sostituto nel reparto arretrato. Il tutto è stato però ostacolato dal ‘no’ di Berlusconi che ha preferito trattenere l’ex romanista.

 

Mexes, senza campo e stimoli, a gennaio potrebbe chiedere la cessione, verso Firenze o una squadra che comunque possa garantirgli spazio entro la fine della sua carriera. Ed a quel punto il Milan tornerebbe con forza su Ranocchia, altro calciatore con voglia di rivalsa e di fiducia anche in vista delle convocazioni per Euro 2016.

 

Redazione MilanLive.it