Sinisa Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic (Getty Images)

Il 4-1 sulla Sampdoria ‘salva’ Sinisa Mihajlovic. Qualcuno prima della sfida vinta ieri sera contro la sua ex squadra aveva parlato di rischi molto forti per il destino dell’allenatore serbo, considerato tutt’altro che saldo sulla panchina del Milan. Invece il successo di San Siro porterà di certo una ventata di ottimismo e positività nell’ambiente rossonero, soprattutto visto che la Samp rappresentava l’ostacolo sulla carta più ostico da qui fino alla sosta natalizia.

Secondo Tuttosport la miglior prestazione del Milan in stagione, anche a livello di gol realizzati in un singolo incontro e di palle gol create, coincide con le scelte finalmente azzeccate da parte di Mihajlovic. Giustissimo passare dal 4-3-3 ormai scontato ad un 4-4-2 classico ma più concreto e dinamico che mai, assolutamente idoneo per sviluppare le caratteristiche tecniche dei suoi interpreti. Premiate anche le scelte dei titolari: Alessio Cerci come esterno di centrocampo non ha deluso, Juraj Kucka in mezzo è tornato ai livelli di Genova e soprattutto M’Baye Niang, avvicinato alla porta avversaria, si è esaltato diventando migliore tra i suoi.

Inoltre per Mihajlovic aver battuto così nettamente l’amico Vincenzo Montella suona come una piccola rivicinata personale; il serbo lo aveva sconfitto solo in un’occasione da tecnico (lo scorso anno Samp-Fiorentina 3-1) ed in questo modo allontana le voci che avrebbero voluto l’attuale mister doriano come suo possibile successore la prossima stagione, in caso di flop conclamato con il Milan. Ma ora la parola d’ordine è proseguire, almeno fino a Natale.

 

Redazione MilanLive.it