Giacomo Bonaventura
Giacomo Bonaventura (©Getty Images)

Il mensile Guerin Sportivo, storica testata che si occupa di calcio italiano ed internazionale, ha intervistato Giacomo Bonaventura in esclusiva, il jolly del Milan giunto ormai alla sua seconda stagione in rossonero. L’ex atalantino ha ricordato nell’occasione proprio il momento del suo trasferimento, arrivato in extremis a settembre 2014.

Ecco il retroscena svelato da Jack, che sembrava dovesse finire ai rivali dell’Inter inizialmente: “Alla mattina dell’ultimo giorno di mercato ero praticamente un giocatore dell’Inter, era fatta e finita. Devo essere sincero: mi sentivo felice e soddisfatto di trasferirmi lì, mi aveva voluto Walter Mazzarri fortemente e sono partito verso Milano con i dirigenti”.

Clamoroso l’intoppo che ha destinato Bonaventura verso il Milan: “L’Inter doveva cedere Fredy Guarin per aprire un posto e invece sono sorti problemi improvvisi e non è stato più ceduto. Ho immaginato che non se ne facesse più nulla a quel punto. Invece alle 20.30 mi chiamò il direttore Pierpaolo Marino dicendomi che aveva trovato un’alternativa, Adriano Galliani lo aspettava per parlare a cena. Mi è venuto da ridere, era una situazione troppo strana e per fortuna si è conclusa nel migliore dei modi. Felicissimo di approdare in un club così prestigioso”.

 

Redazione MilanLive.it